Afghanistan, tre militari italiani morti: incidente stradale

1' di lettura

E’ accaduto a Herat. Gli uomini erano impiegati nell'Omlt, le unità che si occupano dell'addestramento dei soldati afghani. Sale a 45 il numero dei connazionali caduti nel Paese. Ferito un altro militare in un conflitto a fuoco a Bala Murghab

SPECIALE AFGHANISTAN
SFOGLIA L'ALBUM FOTOGRAFICO

(In fondo tutti i video dall'Afghanistan)

Un incidente stradale a bordo di un Lince, il blindato che tante volte ha protetto i soldati dallo scoppio di ordigni improvvisati. Lungo una strada di Herat, non lontano da Camp Arena, la base del contingente nazionale. Sono morti così - secondo le scarne informazioni fornite - tre militari italiani questa mattina in Afghanistan: il tenente Riccardo Bucci (34 anni), il caporal maggiore scelto Mario Frasca (32), il caporal maggiore Massimo Di Legge (28). Salgono pertanto a 45, dal 2004, le vittime italiane della missione Isaf. Due loro compagni sono rimasti contusi. E, sempre oggi, venerdì 23 settembre, un altro militare italiano è stato ferito, questa volta nel corso di uno scontro a fuoco, nella zona calda di Bala Murghab.

Dall'opposizione sono arrivate richieste di chiarezza su quanto accaduto. Il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, si è detto pronto a riferire in Parlamento, ma "stavolta - ha sottolineato - c'è poco di segreto. Si è trattato di un tragico incidente, che poteva capitare dovunque. Aspetto la ricostruzione dettagliata ma quella che ho avuto parla di un tragico incidente" accaduto vicino alla base in un momento di trasferimento e non in una "azione di contrasto". La nota ufficiale di Isaf si limita a parlare di tre morti a causa di ferite "non legate a scontri".

Secondo i primi accertamenti, il soldato che stava in ralla, la torretta del Lince, avrebbe segnalato un ostacolo lungo la strada del mezzo; l'autista, a quel punto, avrebbe sterzato bruscamente e il blindato si è ribaltato. Uno dei militari è morto subito, altri due sono stati soccorsi in condizioni gravissime, ma non ce l'hanno fatta. I soldati facevano parte di un Omlt (Operational mentoring and liaison team), nuclei che addestrano e seguono i soldati afgani in ogni loro attività, anche quelle più pericolose sul campo.

Messaggi di cordoglio sono arrivati da istituzioni e schieramenti politici. Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha espresso "profonda commozione" e, in sua presenza, un minuto di silenzio è stato osservato allo 'School day' nel cortile d'onore del palazzo del Quirinale. "A loro e a tutti i militari impegnati nelle operazioni di pace in quel Paese e in altre parti del mondo - ha detto da parte sua il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi - va la riconoscenza mia e di tutti gli italiani". Messaggi di cordoglio sono giunti anche dai presidenti di Senato e Camera, Renato Schifani e Gianfranco Fini. Dal Pd, Anna Finocchiaro e Rosi Bindi in testa, sono arrivate, con il cordoglio, richieste di chiarimenti sulla dinamica dell'incidente.

Dolore tra i familiari e i commilitoni dei caduti. Il pugliese Frasca, nato a Foggia e di stanza al Comando delle Forze operative terrestri di Verona, era rientrato in Afghanistan domenica scorsa, dopo una breve licenza. Avrebbe concluso la missione tra poco più di un mese, il 30 ottobre. Bucci, di Milano, faceva invece parte del reggimento Lagunari 'Serenissima' e lascia la moglie ed una bambina di 13 mesi. Il più giovane, Di Legge, originario di Aprilia (Latina), era in servizio presso il Raggruppamento Logistico Centrale di Roma.

Ma in Afghanistan resta sempre alto il pericolo rappresentato dagli insorti. Oggi, venerdì 23 settembre, due militari Isaf sono morti per l'esplosione di un ordigno nell'Est. Dall'inizio dell'anno, tra i contingenti stranieri presenti nel Paese, si contano 454 vittime. Ed uno scontro con gli insorti ha provocato il ferimento lieve ad una spalla di un militare italiano nella zona di Bala Murghab, spesso teatro di attacchi contro Isaf. Il soldato partecipava ad un'operazione che vedeva impegnate anche le forze di sicurezza afghane insieme ai militari italiani. Nel corso dell'attività c'è stato lo scontro con i ribelli che sembra abbiano sparato alcuni colpi di mortaio. Il ferito è un ufficiale del 151/o Reggimento Fanteria 'Sassari'. Proprio la Brigata Sassari sta completando in questi giorni il suo schieramento in Afghanistan: la settimana prossima ci sarà il passaggio di consegne con i parà della Folgore che rientreranno in Patria .



Leggi tutto