Strauss-Kahn torna a Parigi, da uomo libero

1' di lettura

Archiviate il 23 agosto le accuse di stupro mosse contro di lui il 14 maggio da una cameriera di un albergo di New York, l'ex capo del Fmi rientra nella sua abitazione a Place Des Vosges, cuore del quartiere le Marais. Al suo fianco la moglie

Guarda anche:
Tutte le foto sul caso di Dominique Strauss-Kahn

Da Tribeca al Marais, da Franklin Street a Place des Vosges. Dominique Strauss-Kahn e la moglie Anne Sinclair sono tornati a Parigi. Archiviate il 23 agosto le accuse di stupro mosse contro di lui il 14 maggio da una cameriera di un albergo di New York, e recuperato il passaporto, l'ex capo del Fondo monetario internazionale fa ritorno a casa. Da uomo libero.
Deve spiegare molto Strauss-Kahn ai francesi, che fino a metà maggio - quando finì in manette a New York con l'accusa di aver stuprato una cameriera d'hotel - credevano più in lui che in chiunque altro come prossimo presidente della Repubblica. Deve una spiegazione in particolare alle donne e agli uomini di gauche, che ancora per metà lo vedrebbero bene con una carica importante nel prossimo governo. Se è ormai chiaro che nel comitato d'accoglienza del suo Partito socialista dal pugno sembra essere caduta la rosa, c'è sulla coppia DSK-Sinclair una curiosità che sconfina dai tratti irrazionali. Certamente alimentata dai tre mesi di silenzio assoluto che sono stati imposti dalle vicende giudiziarie americane a DSK, tre mesi durante i quali tutti - tranne il protagonista - hanno detto la loro.

Cos'è successo nell'albergo Sofitel? - Due sono i quesiti ai quali Strauss-Kahn dovrà dare una risposta: cosa è successo quel giorno nella stanza del Sofitel e cosa ha intenzione di fare adesso. Un rientro nella corsa alle presidenziali è già scartato, ma secondo i bene informati sarebbe già pronta per lui - nel caso di una vittoria socialista alle presidenziali dell'aprile 2012 - una poltrona importante, consigliere o ministro. Magari per la seconda parte del mandato dell'ipotetico presidente di gauche. Tra vignette sui giornali e una nota marca di noleggio auto che ne ha fatto
I giornali sono sul piede di guerra, le agenzie fotografiche hanno dispiegato ogni mezzo, e nelle redazioni c'è chi ha stabilito i turni di permanenza notte e giorno sul marciapiedi della storica piazza seicentesca parigina, per rubare le immagini dei primi passi del nuovo Strauss-Kahn a Parigi al braccio della donna che non ha mai tentennato un istante al suo fianco e che 2 francesi su 3 ammirano per la sua "forza".

Leggi tutto