Tripoli, le donne in piazza gridano: "Siamo libere"

1' di lettura

Mentre prosegue la caccia a Gheddafi, centinaia di madri e di donne sono scese nelle strade della capitale libica: "Siamo orgogliosi dei nostri figli. Grazie ai Paesi che ci hanno aiutato e ai nostri uomini che ci hanno liberato". GUARDA IL VIDEO

Guarda anche:
Gheddafi, l'ultimo appello: "Non ci arrendiamo"
Tripoli, viaggio nella cittadella di Gheddafi. REPORTAGE

LO SPECIALE: La guerra in Libia

LE FOTO: I ribelli nella villa del Colonnello - Quando il calcio entra nel cuore della guerra - La battaglia di Tripoli - I bambini e la guerra - La bandiera dei ribelli - I luoghi della battaglia -Le foto di famiglia del raìs - L'album fotografico

(in fondo all'articolo tutti i video sulla guerra in Libia)


"Finalmente, dopo 42 anni, siamo libere": è con questo grido di rabbia (e di libertà) che centinaia di donne si sono riunite, a Tripoli, per festeggiare la cacciata dei miliziani vicini a Gheddafi.

Mentre la caccia al raìs continua (e proseguono i combattimenti in alcune parti del Paese), mogli e madri libiche hanno deciso di indire una manifestazione "per dire grazie ai Paesi che ci hanno aiutato e per ringraziare i nostri uomini che ci hanno liberato".

E se gli si domanda se non è contradditorio un corteo ispirato alla libertà e all'uguaglianza nel quale però alcuni manifestanti indossano il niqab, rispondono sicure: "Questa è la nostra libertà".

Leggi tutto