Amnesty International: morti in carcere e torture in Siria

1' di lettura

Per l'organizzazione per i diritti umani almeno 88 persone sono decedute "in detenzione" negli ultimi 5 mesi di rivolta e vi sono prove di torture e maltrattamenti per più di 50 casi. Tra le vittime almeno 10 bambini. VIDEO

Guarda anche:
Siria: il regime colpisce anche le moschee. Video
Rivolte in Nord Africa: tutte le foto
Lo speciale Mediterraneo di Sky.it

(In fondo al pezzo tutti i video sulla rivolta in Siria)

Almeno "88 persone" sono "morte in detenzione" in Siria in quasi cinque mesi di sanguinosa repressione delle proteste pro-democrazia - da aprile alla metà di agosto: una cifra che segna un "forte aumento" dei decessi in carcere, che prima della rivolta erano in media cinque all'anno. Lo denuncia Amnesty International, precisando - in un rapporto - che fra le vittime almeno 10 sono bambini, alcuni di 13 anni, e che in almeno 52 casi ci sono prove di torture o maltrattamenti che hanno contribuito alla loro morte.
"I resoconti di torture che abbiamo ricevuto sono orribili - ha affermato Neil Sammonds, il ricercatore di Amnesty che si occupa della Siria - Riteniamo che il governo siriano stia perseguitando il suo popolo massicciamente su vasta scala".

Amnesty ha potuto visionare 45 filmati delle vittime, presi da parenti e attivisti, e ha chiesto a medici legali di esaminarne alcuni: le ferite indicano che hanno subito "orrendi pestaggi e altri abusi". I segni delle torture includono "bruciature, colpi violenti, segni di frustate". La maggior parte dei casi esaminati provengono dai governatorati di Homs e Daraa.

L'organizzazione con base a Londra ha inoltre compilato un elenco di 1.800 persone morte dall'inizio delle proteste, mentre migliaia di altre sono state arrestate, con molte tenute segregate in luoghi sconosciuti, che rischiano tortura e morte.
Amnesty ricorda di aver chiesto al Consiglio di sicurezza dell'Onu di portare la situazione in Siria davanti alla Corte penale internazionale (Cpi), di imporre un embargo sulle armi a Damasco e di 'congelare' beni e fondi del presidente Bashar al Assad e dei suoi stretti collaboratori."Considerando il contesto di diffuse e sistematiche violazioni che avvengono in Siria - ha detto Sammonds - riteniamo che queste morti in detenzione possano includere crimini contro l'umanità”.

Leggi tutto