L’uragano si abbatte sugli Stati Uniti. Allarme a New York

1' di lettura

La tempesta Irene ha perso forza ma resta molto pericolosa. Prime vittime in North Carolina. Nella Grande Mela chiusi aeroporti e metro, migliaia di evacuati. Obama: "Pronti al peggio". Foto, video e tutti i link utili per l’emergenza

LE PREVISIONI DEL TEMPO SU NEW YORK

FOTO: Immagini dal web - L'uragano sul North Carolina - L'ansia di Obama - I preparativi a NY - L'album fotografico

VIDEO: I filmati su Youtube

Cosa devono fare gli italiani a New York

Aeroporti chiusi, voli cancellati, metropolitana bloccata, migliaia di persone evacuate. Gli Stati Uniti si preparano ad affrontare l’uragano Irene , che avanza lungo l'East Coast e ha raggiunto il North Carolina, dove si contano anche le prime vittime. La tempesta è stata declassata a categoria 1, ma resta estremamente pericolosa. L'indebolimento era stato previsto ( sul sito del Central International Hurricane il monitoraggio in tempo reale dell'uragano ).

Irene in North Carolina - La tempesta Irene si è scaricata a terra vicino Cape Lookout, nel North Carolina, come era stato ampiamente previsto dal Centro nazionale Usa per gli uragani.
Irene, pur avendo perso forza in queste ultime ore, è giunto sulla costa sud-orientale degli Stati Uniti con venti che soffiano a 140 km. l'ora. L'uragano si muove verso nord-nordest alla velocità di 22 km.

Aeroporti chiusi - I tre grandi aeroporti di New York chiuderanno a partire da mezzogiorno (le 18 in Italia) in vista dell'arrivo dell'uragano Irene. I voli interni e internazionali non potranno atterrare né partire dal John F. Kennedy , dal La Guardia e dal Newark Liberty .
In conseguenza della chiusura degli scali della costa orientale degli Stati Uniti, l'Alitalia ha comunicato che i suoi voli per New York e Boston sono sospesi sabato 27 e domenica 28 agosto (sul sito le informazioni per i clienti) .
New York inoltre chiude la metropolitana: da mezzogiorno di sabato 27 agosto (ora locale) il sistema di trasporto pubblico di tutto lo stato si fermerà. Anche i ponti saranno chiusi se i venti avranno una velocità superiore alle 60 miglia all'ora (96 chilometri orari).

Sul cammino di Irene una decina di centrali nucleari - L'autorità nucleare statunitense, intanto, ha avviato un monitoraggio straordinario e ispezioni supplementari nelle centrali nucleari che si trovano lungo il percorso dell'uragano. In vista di eventi di natura eccezionale, la procedura prevede la chiusura dei reattori, e la messa in funzione di generatori pronti a fornire energia nel caso di un blackout. L'agenzia nucleare ha assicurato che gli impianti, che sono in tutto nove, sono dotati di "infrastrutture di protezione dall'acqua e dal vento": Nei giorni scorsi era stato il sisma di 5,8 che ha colpito la East Coast a preoccupare gli esperti e spingere l'agenzia a dichiarare "inusuale" l'evento, il più basso livello di emergenza.

Stato di emergenza - L'approssimarsi dell'uragano Irene alle coste del North Carolina ha convinto il presidente Barack Obama a dichiarare venerdì 26 agosto lo stato di emergenza federale a New York dove 250.000 persone stanno per essere evacuate. Lo stato di emergenza assicura che lo Stato "avrà assistenza dalle agenzie federali senza alcun costo per la comunità". La dichiarazione vale per le contee "di Bronx, Kings, New York, Queens, Richmond, Nassau and Suffolk", ha spiegato il governatore dello Stato Andrew Cuomo.

I link utili per seguire l'emergenza - Uno dei migliori modi per seguire lo spostamento dell'uragano Irene è consultare il sito Stormepulse , che mostra in tempo reale dove si trova la tempesta.
La Reuters ha attivato un live blogging dove è possibile rimanere aggiornati attraverso le informazioni dalla Rete e dai giornalisti dell'agenzia.
A questo link invece è possibile consultare la Crisis Map con le probabili zone che saranno interessate dall'uragano.
Ci sono poi il sito ufficiale della città di New York, con tutte le informazioni per i cittadini e i turisti, e il blog curato dalla Casa Bianca, dove è possibile trovare anche i suggerimenti per procurarsi un emergency kit .

La conferenza stampa del sindaco Bloomberg:

Leggi tutto