Belgio, tempesta sul raduno rock. Vittime

Pukkelpop Festival
1' di lettura

Raffiche di vento e pioggia sul nord del Paese. Crollano le strutture del Pukkel festival che travolgono il pubblico. Quaranta i feriti

Guarda anche:
Indianapolis, il vento abbatte il palco di un concerto

Immagini da "apocalisse". Così i testimoni hanno descritto la violenta tempesta che si è abbattuta sul Pukkelpop festival, raduno rock di tre giorni seguitissimo in Belgio: raffiche fortissime di pioggia e vento hanno sradicato alberi, staccato e fatto volare maxischermi e distrutto tensostrutture che sono precipitate sul pubblico. Il bilancio è di cinque morti e potrebbe non essere ancora definitivo.

La testimone: la fine del mondo - La tempesta si è abbattuta con incredibile violenza su Kiewit, nel nord del Paese, per una decina di minuti. Tanto è bastato per distruggere completamente le strutture allestite per i concerti: cancelli, sedili e maxischermi sono volati via, una tensostruttura nella quale si stava tenendo il concerto di una gruppo belga ha ceduto sul pubblico, perfino gli alberi sono stati sradicati dalle fortissime raffiche di vento. I ragazzi hanno iniziato a correre per sfuggire a quella che i media belgi non hanno esitato a definire un'apocalisse. "Improvvisamente il cielo è diventato nero - ha raccontato una delle fondatrici del festival, Catherine Blaise - poi si è scatenato: raffiche di vento fortissime, chicchi di grandine grandi più di un centimetro. Ho lividi dappertutto. E' stata la fine del mondo".

Tre giorni di musica rock - In quarantamila avevano piantato da mercoledì 17 agosto le loro tende per assistere al festival al quale erano attesi 60mila spettatori. Ora il Pukkelpop è stato sospeso e sono stati annullati tutti i concerti. Ma non è la prima volta che il celebre festival viene colpito da lutti. Nel 2010, in occasione della 25esima edizione, un tecnico del suono è morto per un attacco cardiaco, il giorno dopo la cantante Charles Haddon, si è suicidato lanciandosi da una torre, dopo la performance del suo gruppo.

Leggi tutto