Sudan, rapito un operatore di Emergency

Francesco Azzara
1' di lettura

Francesco Azzarà, 34 anni, si trovava nel centro pediatrico dell'ong a Nyala, nel sud del Darfur. E' stato sequestrato da uomini armati mentre in auto si stava dirigendo in aeroporto. Gino Strada: "Un fatto inaspettato"

Guarda anche:
Nel 2009 rapito un medico italiano in Darfur
Nel 2010 tre operatori di Emergency arrestati in Afghanistan
In Sudan nasce una nuova nazione

Un operatore italiano di Emergency è stato rapito domenica 14 agosto in Darfur. Si tratta di Francesco Azzarà, 34 anni, al lavoro nel centro pediatrico che l'ong italiana ha aperto nel luglio 2010. Il rapimento - riferisce Emergency - è avvenuto alle 17 ore locali. L'operatore è stato prelevato a Nyala, capitale del sud Darfur (GUARDA LA MAPPA), mentre si trovava in auto diretto verso l'aeroporto della città. Il rapito, Francesco Azzarà, è alla sua seconda missione a Nyala come logista del Centro pediatrico aperto in città nel luglio del 2010.
I suoi genitori  vivono a Motta San Giovanni, un centro a circa trenta chilometri da Reggio Calabria, e sono pensionati dopo avere gestito per molti anni un bar. Ad avvertirli è stata la Farnesina tramite i carabinieri.

Emergency "ha immediatamente attivato in Darfur e a Khartoum tutti i contatti a sua disposizione ed ha informato il Ministero degli Affari Esteri italiano". Un team di Emergency, inoltre, sta seguendo gli sviluppi della situazione ed è in costante contatto con la famiglia, le autorità sudanesi e quelle italiane. Emergency chiede la liberazione immediata di Francesco Azzarà ed auspica piena collaborazione di tutti coloro che possano aiutare ad arrivare a un esito positivo di questa vicenda.

Nel frattempo la Farnesina ha chiesto il silenzio stampa e ha assicurato che il ministro degli Esteri Franco Frattini "sta seguendo personalmente gli sviluppi della vicenda". Lo riferisce una nota della Farnesina assicurando che sono stati attivati "tutti i canali disponibili presso le autorità locali per una soluzione della vicenda".

"Il rapimento a Nyala di Francesco Azzarà, operatore di Emergency, era del tutto inatteso, "non ce l'aspettavamo. Stiamo cercando di capire il perché di questo fatto ma non c'è un motivo razionale". Lo afferma Gino Strada, fondatore di Emergency che ora si trova a Khartoum. "Azzarà - secondo quanto riferisce Strada - era in macchina con altri due colleghi. Lui era l'unico internazionale. L'auto è stata circondata da gente armata che l'ha fatto scendere. Al momento non abbiamo avuto alcun contatto con i sequestratori".

Leggi tutto