Esilio d'oro per Battisti: "Adoro il mare e le belle donne"

1' di lettura

"Non ho ammazzato nessuno, sono finito in una disputa politica" dichiara l'ex terrorista rosso. Dopo essere stato scarcerato nel giugno scorso dal carcere di Brasilia annuncia: "Resto in Brasile e scrivo un libro"

Guarda anche:
Cesare Battisti esce dal carcere: LE FOTO
La rabbia dei parenti delle vittime
Chi è Cesare Battisti
Tutte le notizie sul caso Battisti

(Guarda in fondo all'articolo tutti i video)

Un Cesare Battisti che adora "le spiagge e le belle ragazze di Rio de Janeiro", città dove venne catturato nel 2007 e dove ora intende prendere casa: gli anni del carcere sono ormai alle spalle e l'ex terrorista rosso si presenta così in un'intervista, durante un periodo di ferie trascorse al mare nell'inverno brasiliano.
Nelle dichiarazioni rilasciate al settimanale Piaui, Battisti ha assicurato di "non avere alcuna voglia di andarmene dal Brasile: "Ormai sogno perfino in portoghese", sottolinea. Adoro Rio, le spiagge, le belle ragazze, la gente cordiale, mi ricorda Napoli e Marsiglia, posti dove mi è piaciuto stare".
L'ex militante dei Proletari armati per il comunismo (Pac) ha tra l'altro raccontato di aver passato qualche giorno "su una spiaggia al sud" della 'cidade meravilhosa', alternando lunghe camminate alla preparazione di un libro. Un periodo di ferie nel quale comprava e cucinava personalmente del pesce in riva al mare.

Battisti: non ho ammazzato nessuno - Sul fronte politico, le posizioni di Battisti indicate alla rivista paiono immutate. "Non ho ammazzato nessuno", ha ribadito, ricordando di essere "finito stritolato in mezzo alla disputa tra forze politiche italiane con le quali non avevo niente a che vedere. Non ho ferito né ammazzato nessuno. Tarso Genro esaminò il mio caso, ritenne che avevo ragione, e con gran coraggio difese le sue posizioni contro le pressioni potenti che gli franarono addosso", ha precisato ricordando l'ex ministro della giustizia che tre anni fa le diede lo status di rifugiato politico.

L'ex terrorista rosso non potrebbe allontanarsi dal San Paolo -
Nei giorni trascorsi al mare, Battisti si è mantenuto in contatto con il mondo tramite un precario collegamento internet, secondo quanto ha riferito una sua amica militante della sinistra brasiliana.
"Non so in quale spiaggia sia stato, non ne abbiamo parlato. Teoricamente Cesare non potrebbe allontanarsi da San Paolo perché il suo visto deve passare per alcune fasi ulteriori, ma lo studio legale che lo rappresenta mi ha garantito che tutto procede senza problemi. Cesare sta in questo periodo preparando il lancio di un suo nuovo libro", con al centro il periodo trascorso nel carcere di 'Papuda' e il cui titolo e' 'Ai piedi del muro'.

Leggi tutto