Londra, gli studenti italiani: "Tutti a casa alle 21.30"

Gli studenti italiani a Londra hanno deciso di osservare un coprifuoco: rientro a casa non oltre le 21.30 (Getty)
1' di lettura

La guerriglia urbana non si è estesa fino ai loro alloggi, ma i nostri giovani connazionali, che sono nella capitale inglese per vacanze studio, attueranno un coprifuoco preventivo: la polizia non lo ha imposto, ma di sera non si esce. VIDEO

Guarda anche:
FOTO: Saccheggi a Birmingham - Fiamme a Croydon - Hackney - Tottenham - La prima notte di guerriglia - Le prime pagine - L'Album

VIDEO: La protesta su Youtube - Saccheggi a Clapham

NEWS
: Palazzi in fiamme,la terza notte di protesta - La miccia che ha scatenato la rivolta - Il tam tam via blackberry per oscurare Scotland Yard - Annullata l'amichevole Inghilterra-Olanda - "Duggan era armato ma non sparò": il rapporto della polizia

DALLA RETE: La notte di Londra in un minuto - Cronache live dalla Rete

(In fondo all'articolo tutti i video sugli scontri)

Dicono che di "notte sentono solo le sirene della polizia", che la guerriglia urbana non si è estesa fino ai loro studentati o alle loro abitazioni, ma vogliono comunque essere prudenti. Per questo rispetteranno un "coprifuoco": la sera rincaseranno presto, alle 21.30 al massimo. Non sono state le forze della polizia a imporlo, ma il buon senso e i consigli dei londinesi. In questi giorni sono numerosi gli studenti italiani a Londra. Solo l'agenzia E.s.l., che organizza soggiorni linguistici all'estero, ne stima, tra i suoi iscritti, 400. Vanno a Londra per una vacanza studio o, in alcuni casi, anche per cominciare un percorso più lungo e strutturato.

Come Rosalba, napoletana, 27 anni, a Londra da tre. Vive nel quartiere Kensington e sta facendo un dottorato di ricerca all'Imperial College. "Ieri ero in un pub a Notting Hill e non ho fatto in tempo a ordinare, verso le 21.30, che il locale è stato chiuso per motivi di sicurezza". Forse anche per permettere ai dipendenti di rientrare a casa senza correre rischi, ipotizza la studentessa. Anche se non sente la guerriglia così vicina, Rosalba ammette di essere un po' "preoccupata": "La città - racconta - è tutta in tensione. Anche i locali del centro ieri sera erano chiusi. Le persone che dal centro volevano tornare a Sud della città hanno avuto molte difficoltà, perché alcune fermate della metro erano chiuse e i tassisti non guidavano nelle zone interessate dagli scontri". Oggi Rosalba è rimasta nel College tutto il giorno ("lo raggiungo a piedi", dice) e stasera eviterà di uscire.

Anche Luigi, 23 anni, di Potenza, è prudente. Rimarrà a Londra per motivi di studio per un mese. Attualmente alloggia in uno studentato a Camden Town: "Stasera usciremo in gruppo e magari andremo verso il centro, ma dallo studentato ci consigliano di non tornare dopo le 21.30". Luigi oggi è riuscito a muoversi in città sia con la metro che con gli autobus e ha raggiunto la sede del corso di studio senza problemi. "Alcuni ragazzi invece hanno assistito a degli scontri", racconta. I suoi genitori, ammette, sono "un po' preoccupati, è normale. Ma non credo che rientrerò prima del previsto a Roma".

"Particolari allarmismi - afferma Loris Veronese, responsabile dell'Ufficio di Roma di E.s.l - non sono arrivati neppure dalle nostre scuole partner di Londra. Non ci hanno comunicato alcun problema". Anche Alberto Svelto, manager di Ef Italia, altra agenzia specializzata in vacanze studio, conferma che "al momento non si registrano particolari disagi per gli studenti a Londra. Stanno tutti bene e non sono in nessun modo coinvolti nei disordini. Abbiamo ricevuto nel pomeriggio telefonate di qualche genitore, ma solo per ricevere qualche parola di rassicurazione e nessuno studente ha chiesto di rientrare in Italia o ha chiamato per annullare il viaggio". Tuttavia l'ente di promozione turistica di Londra ha creato, sul proprio sito internet, una pagina ad hoc dove poter reperire tutte le informazioni e i suggerimenti per chi viaggia per lavoro o vacanza nella capitale inglese.

Leggi tutto