Migranti dispersi, Frattini chiede un'inchiesta alla Nato

1' di lettura

Il ministro degli Esteri ha inoltre chiesto all'alleanza la possibilità di modificare il proprio mandato in modo da poter prestare soccorso a chi fugge dalla guerra sui barconi

Guarda anche:
Lo speciale Mediterraneo di Sky.it
L'Onu: mai così tanti profughi negli ultimi 15 anni
Emergenza immigrazione: sfoglia l'album fotografico

(in fondo all'articolo tutti i video sugli sbarchi)

"In relazione alle polemiche circa il presunto mancato soccorso a battelli con clandestini a bordo in fuga dalla Libia, il Ministro degli Esteri Frattini ha dato istruzioni al Rappresentante Permanente italiano presso la NATO di chiedere un'inchiesta formale per l'accertamento della dinamica di quanto accaduto". E' quanto si legge in una nota della Farnesina. "Il Ministro Frattini - prosegue il comunicato - ha anche chiesto all'Ambasciatore Sessa di sollecitare una discussione all'interno dell'Alleanza Atlantica per il possibile adeguamento del mandato della missione di salvaguardia delle popolazioni civili in Libia, sulla base delle risoluzioni delle Nazioni Unite 1970 e 1973,  affinché vengano opportunamente considerate la tutela e soccorso anche di coloro che per cause belliche sono costretti a fuggire su barconi mettendo a rischio la propria incolumità".

Leggi tutto