La Libia rivendica il missile contro la nave italiana

Il luogo in cui si trovava la fregata Bersagliere obiettivo dell'attacco missilistico libico e la scheda della nave militare italiana
1' di lettura

Il portavoce del governo di Tripoli sostiene che il razzo, caduto in mare senza conseguenze per l’equipaggio, è stato lanciato dalle truppe lealiste. Il ministro La Russa aveva assicurato che non era l’Italia l’obiettivo. Frattini: nessuna preoccupazione

Guarda anche:
Guerra in Libia: lo speciale di Sky.it
Tutte le foto della guerra in Libia
Dal Senato sì al rifinanziamento delle missioni all'estero

(in fondo all'articolo tutti i video sulla guerra in Libia)

Sono state le forze governative libiche a lanciare il missile che mercoledì 3 agosto ha quasi sfiorato la fregata italiana 'Bersagliere', in navigazione al largo delle coste del Paese nord-africano nell'ambito della missione 'Unified Protector' guidata dalla Nato: lo ha dichiarato il portavoce governativo Moussa Ibrahim, citato dal network televisivo Cnn, in sostanza rivendicando l'accaduto.
Il portavoce del governo ha riferito ai cronisti presenti a Tripoli che il missile è stato lanciato da truppe fedeli a Muammar Gheddafi.
"Abbiamo capacità straordinarie di cui non abbiamo ritenuto fosse necessario servirci", ha assicurato Ibrahim. "Il nostro esercito è ancora molto forte. Non abbiamo finora utilizzato la nostra reale potenza militare". Il portavoce ha quindi smentito quanto affermato dai ribelli, secondo cui a Tripoli non sarebbe rimasto che il 20 per cento del proprio potenziale bellico. "Per amore di Allah", ha celiato, "se fossimo ridotti al 20 per cento, io che cosa ci starei a fare qua?".

"Fanno un po' di propaganda, lasciamogliela fare: non ci preoccupa più di tanto", ha commentato il ministro degli Esteri italiano, Franco Frattini, rispondendo ad una domanda, la rivendicazione giunta da Tripoli sul missile lanciato contro una nave militare italiana.
Il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, aveva confermato la notizia ma aveva anche escluso “che fosse la nave italiana l'obiettivo" del "razzo". "Non ci sono motivi di particolare preoccupazione", aveva aggiunto il ministro - "Non bisogna creare allarmismi, perché il razzo è caduto lontanissimo dalle coste italiane, ma vicino alla costa di Misurata".

Leggi tutto