Hacker all’attacco, spiati anche l’Onu e gli Stati Uniti

1' di lettura

La denuncia della società per la sicurezza informatica McAfee, che ha scoperto lo spionaggio ai danni di 72 organizzazioni. Tra queste anche il Comitato olimpico internazionale e diversi governi. I sospetti su un “soggetto statale”, per qualcuno la Cina

Guarda anche:
Anonymous, la polizia scova gli hacker italiani
Da Sony al Pdl, hacker all'attacco: ecco chi sono

La più grande serie di sempre di attacchi cibernetici, che riguardano l'infiltrazione nelle reti di 72 organizzazioni, compresi Nazioni Unite, governi e società in tutto il mondo.
La denuncia arriva dalla società americana per la sicurezza informatica McAfee. I suoi esperti, che hanno scoperto le intrusioni, hanno fatto sapere di sospettare che
dietro gli attacchi ci sia un "soggetto statale". Nessun nome per il momento, anche se una fonte a conoscenza del dossier, citata anche dal Washington Post, ha spiegato che tutti gli indizi puntano sulla Cina.

La lunga lista di vittime in cinque anni di campagna include i governi di Stati Uniti, Taiwan, India, Corea del sud, Vietnam e Canada; l'Associazione delle nazioni del sudest asiatico (Asean); il Comitato olimpico internazionale (Cio); l'Agenzia mondiale anti-doping e una serie di società, dalla difesa all'high-tech.

Nel caso delle Nazioni unite, gli hacker sono entrati nel sistema di computer del segretariato Onu a Ginevra nel 2008, dove sono rimasti nascosti per circa due anni, secondo McAfee. "Anche noi siamo rimasti sorpresi dall'enorme diversità delle organizzazioni vittime e dall'audacia degli esecutori", ha scritto il vicepresidente di McAfee per la ricerca delle minacce, Dmitri Alperovitch, in un rapporto di 14 pagine.

"Cosa stia accadendo a tutti questi dati è ancora una domanda ampiamente aperta. In ogni caso, se anche una sola frazione è stato usata per costruire prodotti migliori della concorrenza o per battere un concorrente in una negoziazione chiave, la perdita rappresenta un'enorme minaccia economica".
McAfee ha appreso dell'estensione della campagna di hackeraggio nel marzo scorso, quando i ricercatori hanno scoperto gli attacchi durante la revisione dei contenuti di un server "comando e controllo" trovato nel 2009 in un'indagine su falle nella sicurezza in società della difesa.

Alcuni attacchi sono durati solo un mese, ma il più lungo - al Comitato olimpico di una nazione asiatica non precisata – è andato avanti a intermittenza per 28 mesi, secondo McAfee. "Società e agenzie governative vengono violate ogni giorno. Stanno perdendo il vantaggio economico e segreti nazionali a vantaggio di concorrenti senza scrupoli", ha detto Alperovitch a Reuters.
"Si tratta del più grosso trasferimento di ricchezza nella storia in termini di proprietà intellettuale. La scala in cui ciò sta avvenendo è veramente spaventosa".

Leggi tutto