Torna libera la nave italiana sequestrata dai pirati

1' di lettura

La “Anema e Core” era stata assaltata nella notte tra il 23 e il 24 luglio nel golfo della Nigeria. Il comandante del mercantile ha comunicato che tutti gli uomini dell’equipaggio sono in buone condizioni

Guarda anche:
La pirateria? Un affare da 100 milioni di dollari l'anno

E' tornata in libertà la M/cisterna "RBD Anema e Core", il mercantile italiano sequestrato dai pirati lo scorso 24 luglio mentre navigava a circa 23 miglia a sud di Cotonou, nella Repubblica del Benin. I pirati alle 22.37 del 28 luglio hanno abbandonato la nave e da bordo il comandante ha informato che gli uomini dell'equipaggio stanno tutti bene.

La nave - che fa capo alla società armatoriale RBD Armatori (Rizzo-Bottiglieri-De Carlini Armatori S.p.A.) di Torre del Greco, e che trasporta gasolio da autotrazione - era stata sequestrata dai pirati la notte fra il 23 e il 24 luglio scorso al largo delle coste della Nigeria.
L'allarme era stato dato intorno alle 02.40 del giorno 24 dal Comando generale delle Capitanerie di porto. Giuseppe Mauro Rizzo, Amministratore delegato della Compagnia armatrice, ha espresso plauso e apprezzamento nei confronti dell'equipaggio della nave e della struttura di terra per aver affrontato e  gestito con coraggio e professionalità l'emergenza nel rispetto dei protocolli di sicurezza. Egli ha inoltre ringraziato il Comando Generale delle Capitanerie di porto e l'Unità di Crisi della Farnesina, che ha mantenuto costantemente i contatti con la Società armatrice e le famiglie dell'equipaggio, sottolineando l'efficienza e la tempestività con la quale hanno seguito gli eventi.

Leggi tutto