Norvegia, Breivik sarà processato nel 2012

1' di lettura

L'autore della strage di venerdì scorso a Oslo non sarà giudicato prima del prossimo anno; la polizia "ha bisogno di tempo" per condurre a fondo le indagini. Nel frattempo sono terminate le ricerche dei corpi delle vittime sui fondali dell'isola Utoya

LE FOTO: Oslo ferita - L'attentatore - Sangue e paura sui volti - I soccorsi - Prima e dopo: la via dell'attentato - Sparatoria sull’isola di Utoya: la fuga a nuoto - Il premier a Utoya - L'album

I VIDEO

APPROFONDIMENTI: Il giorno del terrore - Anti-islamico e di estrema destra: identikit dell'attentatore - Il racconto dei sopravvissuti - Le prime testimonianze sul web - La sparatoria al meeting dei giovani laburisti - Il massacro annunciato su Internet

(in fondo all'articolo tutti i video sugli attacchi in Norvegia)

Anders Breivik, l'autore delle stragi di Oslo e Utoya, verrà ascoltato venerdì 29 luglio dalla
polizia. Si tratta del secondo interrogatorio dopo quello di sabato, all'indomani della bomba a Oslo e della strage a Utoya. Gli inquirenti intendono sentirlo sui molti particolari raccolti negli ultimi, convulsi giorni di indagini.

Il processo nel 2012 - La procura, intanto, ha reso noto che il 32enne non sarà processato prima dell'anno prossimo e che le udienze potrebbero essere a porte chiuse. "Il punto di partenza" sarà l'incriminazione, che "non potrà essere pronta prima della fine di quest'anno", ha spiegato il procuratore Ingunn Fossgard, sottolineando che la polizia "ha bisogno di tempo" per condurre a fondo le indagini.
Per le stragi per finalità terroristiche Breivik rischia 21 anni di carcere, ma i magistrati stanno studiando l'ipotesi di accusarlo di crimini contro l'umanità, reato che comporterebbe una pena di 30 anni.
Nel frattempo sono terminate le ricerche dei corpi sui fondali marini intorno all'isola della sparatoria. La media dell'età delle vittime è tra i 14 e i 19 anni.
Secondo gli investigatori, la bomba che ha devastato il centro di Oslo era a base di nitrogeno. Quanto all'uniforme indossata dall'assassino sull'isola, è stata probabilmente
acquistata all'estero e aveva anche un logo della polizia norvegese, anche se non è chiaro come Breivik se lo fosse procurato. Un sopravvissuto alla sparatoria, Jo Granil, ha
raccontato che l'assassino aveva "il classico equipaggiamento" da agente, compreso un walkie-talkie.

Le strane richieste di Breivik - Rinchiuso nella prigione di Ila, sulla costa occidentale
del Paese, sembra che il 32enne abbia già fatto diverse, "strane" richieste: uno psichiatra non norvegese, cibo speciale e un computer portatile. Breivik avrebbe anche preteso di poter collegarsi al sito di Wikileaks e di avere accesso al suo delirante manifesto online, pubblicato poco prima delle stragi.
In attesa che si metta al lavoro la Commissione indipendente che indagherà su cosa non ha funzionato nella reazione agli attacchi, si è appreso che le squadre speciali intervenute a Utoya avevano l'ordine di sparare e, se il caso, uccidere. Una testa di cuoio ha raccontato che il 32enne era disarmato e aveva le mani sulla testa, quando sono riusciti a
raggiungerlo. E secondo Anders Snortheimsmoen, comandante delle squadre speciali, è mancato poco che i suoi uomini lo freddassero, per il timore che indossasse una cintura
esplosiva.
Le prime parole di Breivik, a quel punto, sarebbero state lapidarie: "Adesso ho finito".

Leggi tutto