Strage in Norvegia: il racconto dei sopravvissuti. VIDEO

1' di lettura

"All'inizio pensavamo fosse uno scherzo, poi un uomo vestito da poliziotto ha iniziato a sparare". Parlano alcuni dei ragazzi che erano sull'isola di Utoya, a 35 chilometri da Oslo, durante la sparatoria che ha provocato oltre 80 morti

Guarda anche:

GLI AGGIORNAMENTI: Bomba e sparatoria: almeno 90 morti

LE FOTO: Oslo ferita - Il presunto attentatore - Sangue e paura sui volti - I soccorsi - Prima e dopo: la via dell'attentato - Sparatoria sull’isola di Utoya: la fuga a nuoto - L'album

I VIDEO

APPROFONDIMENTI: Il giorno del terrore - Le prime testimonianze sul web
La sparatoria al meeting dei giovani laburisti

(in fondo all'articolo tutti i videoservizi di Sky Tg24)

"C'era un tizio che sembrava un poliziotto e poi ha iniziato a sparare per tutta l'isola. Aveva una borsa con molte armi e munizioni. Mi sono messo in salvo e ho cercato di salvare quelli che potevo ma alcuni non sono riuscito ad aiutarli". A parlare (guarda il video in alto) è un giovane sopravvissuto alla strage avvenuta in Norvegia venerdì 22 luglio. Dopo l'esplosione di una bomba nel centro di Oslo un uomo ha aperto il fuoco sull'isola di Utoya, a 35 chilometri dalla capitale, dove era in corso un meeting dei giovani laburisti. Le vittime della sparatoria sarebbero più di ottanta. Un norvegese di 32 anni è stato arrestato con l'accusa di essere l'autore della carneficina.

"Uno ha iniziato a sparare - racconta un'altra ragazza -. Sembrava proprio un poliziotto. Era terrificante. All'inizio pensavamo fosse uno scherzo. Ha detto di riunirsi e gli altri sono scappati così ha iniziato a sparargli. Stavo sparando a tutti. Sembra un incubo, non posso credere sia successo veramente".

(guarda nel video in alto le testimonianze dei sopravvissuti)

Leggi tutto