Russia, affonda una nave sul Volga. Centinaia di vittime

1' di lettura

Ci sono anche decine di bambini tra i corpi intrappolati nell'imbarcazione da crociera affondata a tre chilometri dalla costa in un ampio tratto del fiume. Medvedev: "La nave era in pessime condizioni". VIDEO

La Russia ha fatto sapere che sono poche le speranze di trovare superstiti dopo che una nave turistica, la Bulgaria, è affondata domenica 10 luglio nel fiume Volga, provocando la morte di oltre cento persone nel peggiore incidente navale degli ultimi 30 anni.
Ottanta persone sono state tratte in salvo. La nave, a due piani, costruita nel 1955, è affondata a 3 chilometri dalla costa in un ampio tratto del fiume in Tatarstan.

Testimonianze - Il ministro per le Emergenze, Sergei Shoigu, ha detto al presidente Dmitry Medvedev che sono poche le speranze di trovare altri superstiti, mentre i sommozzatori hanno portato a galla decine di corpi dal relitto. Tra i passeggeri potrebbero esserci circa 60 bambini, hanno riferito i media russi, e alcuni sopravvissuti hanno detto che 30 bambini erano riuniti in una cabina vicino alla poppa della nave per giocare, proprio poco prima che l'imbarcazione affondasse. "Praticamente, nessun bambino ce l'ha fatta. C'erano tanti bambini sulla nave, tantissimi", ha detto Natalya Makarova alla tv di stato. La donna ha detto di aver perso il contatto con la figlia mentre cercavano di scappare. "Eravamo tutti sepolti vivi nella nave come in una bara di metallo", ha detto la Makarova, che è scappata attraverso una finestra. "Io ho praticamente strisciato dal fondo. Mia figlia di 10 anni era con me, l'ho tenuta il più a lungo a possibile...poi non ce l'ho più fatta".

Un difetto nel motore sinistro - Un difetto al motore sinistro. Sarebbe questa la causa dell'incidente secondo quanto emerge dalle prime indagini. Lo riferisce l'agenzia Interfax citando la commissione investigativa locale. Nonostante il problema, la 'Bulgaria' era salpata lo stesso da Kazan. Alla partenza, inoltre, la nave era inclinata sul lato destro, probabilmente - secondo le indagini - perché i serbatoi delle acque di scarico erano pieni e il carburante si trovava solo nel serbatoio di destra. L'acqua del fiume, secondo il sito Lifenews.ru, sarebbe entrata rapidamente nel vascello anche perché non c'era l'aria condizionata e quindi tutti gli oblò erano aperti.

Medved: la nave era in pessime condizioni - Medvedev ha detto che non ci sarebbe stata la tragedia se fossero state rispettate le norme di sicurezza. "Stando alle informazioni che abbiamo, la nave era in pessime condizioni", ha detto Medvedev durante una riunione dei suoi ministri convocata d'urgenza nella sua residenza di Gorki, fuori Mosca. "La quantità di navi arrugginite che abbiamo in mare è esorbitante". Nel tentativo di arginare le critiche alle autorità in vista delle elezioni presidenziali di marzo, il presidente ha annunciato "un'indagine completa" dei veicoli di trasporto in Russia e un giorno di lutto per martedì 12 luglio. Il primo ministro Vladimir Putin ha inviato le sue condoglianze.

Leggi tutto