San Francisco, via libera ai soldati gay

1' di lettura

Una corte di appello ha ordinato la sospensione immediata della norma definita “don’t ask don’t tell (non chiedere, non dire), la legge americana che vieta ad un omosessuale di arruolarsi. Una norma che la Casa Bianca considera “incostituzionale”

Guarda anche:
Usa, i soldati omosessuali non dovranno più mentire

In linea con quanto sostenuto dalla Casa Bianca, una corte d'appello di San Francisco ha ordinato la sospensione "immediata" della norma definita 'don't ask don't tell' ('non chiedere, non dire'), la legge americana che vieta ad una persona dichiaratamente gay di presentare domanda di arruolamento presso le forze armate americane.

Si tratta solo dell'ultimo sviluppo legale della battaglia, in corso da anni negli Stati Uniti, per cancellare definitivamente la 'don't ask don't tell', considerata una legge ipocrita sulla cui cancellazione si era già detto favorevole anche l'ex ministro della Difesa Usa, Robert Gates.

La Casa Bianca considera "incostituzionale" la legge. Ma proprio per questo vorrebbe che fosse un voto del Congresso ad esprimersi in maniera definitiva, per arrivare all'abrogazione della legge non per via giudiziaria ma per via legislativa.

Leggi tutto