Nucleare, il Giappone riparte: riaccesi i reattori

1' di lettura

L'annuncio arriva dal sindaco di Genkai, che ha dato il via libera alla riattivazione della centrale della città. E' la prima autorizzazione dopo la tragedia dell'11 marzo scorso. Intanto il governatore della Bank of Japan parla di segnali di ripresa

Guarda anche:
Tsunami Giappone: news, foto e video. Lo speciale
Terremoto in Giappone: tutte le foto
Il video dell'onda anomala

(in fondo all'articolo tutti i video sull'emergenza nucleare in Giappone)

I due reattori dell'impianto nucleare giapponese di Genkai, cittadina nella prefettura meridionale di Saga, in Giappone (guarda la mappa) potranno ripartire.
Lo ha annunciato lo stesso sindaco, Hideo Kishimoto, nella riunione con Toshio Manabe, presidente di Kyushu Electric Power, il gestore dell'impianto.
Si tratta del primo via libera sulla ripartenza di impianti nucleari dopo la crisi ancora irrisolta di Fukushima, anche se l'attenzione è tutta rivolta alle scelte che il governatore della prefettura di Saga, Yasushi Furukawa, prenderà a metà luglio.

Due dei quattro reattori di Genkai, i numeri 2 e 3, erano stati fermati per controlli periodici che le leggi nipponiche prevede siano fatti ogni 13 mesi, ma l'emergenza Fukushima ha di fatto moltiplicato i timori sulla sicurezza degli impianti causando il rinvio della riaccensione.
Kishimoto aveva già comunicato il proposito a fine giugno durante un faccia a faccia con il ministro dell'Industria, Banri Kaieda (lo stesso che aveva detto che il nucleare era ancora fondamentale) mentre Furukawa si era mostrato possibilista, volendo prima discutere della questione con le comunità locali.

La notizia arriva nelle stesse ore dell'annuncio del governatore della Bank of Japan (BoJ), Masaaki Shirakawa, per il quale l'economia nipponica mostra elementi di ripresa ed è probabile ritorni verso una crescita moderata malgrado le profonde interruzioni alla catena produttiva causate dal sisma/tsunami dell'11 marzo scorso.

Leggi tutto