Libia, il figlio del raìs all’Occidente: “Non vincerete mai”

1' di lettura

Saif al Islam, terzogenito di Muammar Gheddafi, ha ribadito in un’intervista tv che suo padre non ha alcuna intenzione di abbandonare il Paese. E ha minacciato gli Alleati: “Per noi siete degli obiettivi legittimi”. VIDEO

Guarda anche:
Guerra in Libia: LO SPECIALE
Guerra in Libia: tutte le immagini
Guerra in Libia: la cronologia


(guarda in fondo all'articolo tutti i video sulla guerra in Libia)

"Non vincerete mai, non avete nessuna chance, avete zero possibilità di vincere questa guerra". E' il messaggio lanciato all'Occidente da Saif al-Islam, uno dei figli del leader libico Muammar Gheddafi, in un'intervista mandata in onda nella serata del 3 luglio dalla rete televisiva francese Tf1. Il terzogenito del Colonnello ha ribadito che suo padre non ha nessuna intenzione di abbandonare il paese. Tripoli è pronta anche a fare alcuni concessioni. "Se volete la democrazia, se volete le elezioni o una nuova costituzione siamo d'accordo ma chiedere a mio padre di andarsene è una barzelletta, noi non ci arrenderemo mai, lotteremo perché questo è il nostro paese".

Saif ha detto anche che se la Francia ha delle questioni aperte con la Libia, come quella dei caccia Rafale mai acquistati nonostante le insistenze di Parigi, l'unica strada possibile è quella del dialogo. "Se ce l'avete con noi per il petrolio non avete che da parlarci, dai ribelli non avrete mai nulla perché non vinceranno mai", ha affermato. Saif ha poi ribadito che, attaccando la Libia, l'Occidente diventa un obiettivo di possibili rappresaglie. "Noi dobbiamo lottare per il nostro paese e voi per quanto ci riguarda siete degli obiettivi legittimi", ha ammonito. Venerdì scorso, in un discorso diffuso per telefono a migliaia di sostenitori assiepati sulla Piazza Verde a Tripoli, Gheddafi aveva affermato che se la Nato non fermerà i suoi raid, i combattenti libici si riverseranno sull'Europa come "sciami di cavallette".

Guarda la cronologia interattiva della guerra in Libia:





Tutti i video sulla guerra in Libia

Leggi tutto