Gheddafi: "Se i raid continuano attaccheremo l'Europa"

La folla riempie le strade di Tripoli
1' di lettura

Nuovo messaggio del rais ai suoi fedelissimi assiepati nella Piazza Verde di Tripoli. "Se vogliamo possiamo portare lo scontro anche al di là del Mediterraneo" ha minacciato. Gli insorti intanto sono costretti a ripiegare. GUARDA IL VIDEO

Guarda anche:
Guerra in Libia: LO SPECIALE
Guerra in Libia: tutte le immagini
Guerra in Libia: la cronologia


(in fondo all'articolo la cronologia interattiva e i video sulla guerra in Libia)

Sempre più accerchiato attorno a Tripoli, Muammar Gheddafi è tornato oggi a parlare, seppure per telefono, alle folle per la prima volta dopo il mandato di cattura spiccato dalla Corte penale internazionale (Cpi), minacciando di attaccare l'Europa se la Nato non fermerà i raid, che, dice, porteranno l'Alleanza alla "catastrofe". E lo fa nel giorno in cui riesce a vincere una battaglia, respingendo più a sud a colpi di razzi gli insorti che si trovavano ormai a soli 80 chilometri dalla capitale. "Vi avvertiamo, ritiratevi prima di dover fronteggiare una catastrofe. Lasciate a terra i vostri aerei e avviate discussioni con il popolo libico", ha tuonato Gheddafi, il cui discorso è stato diffuso nel pomeriggio attraverso una linea telefonica amplificata dagli altoparlanti di una Piazza Verde tripolina gremita. Il colonnello ha minacciato di rispondere ai raid nello stesso modo: "Se lo decidiamo, possiamo portare (lo scontro) anche in Europa", ha detto nel suo discorso, invitando i suoi partigiani a catturare le armi che la Francia ha ammesso di aver paracadutato agli insorti. Al rais ha fatto eco il figlio Seif al-Islam che, in nuova versione con barba e abbigliamento da fondamentalista islamico, ad un canale tv russo ha detto che "la Libia, per chi ci attacca, è come un fast food": "tutti vogliono dividersi la torta", cioè le sue risorse, e farlo "in fretta".

Lo stallo sul campo di battaglia - Sul campo, intanto, i ribelli, che erano riusciti a stabilirsi a Bir al-Ghanam, a soli 80 chilometri a sud di Tripoli, la punta più avanzata della morsa che si avvicina alla roccaforte del colonnello, sono stati costretti oggi ad arretrare da una salva di razzi Grad e si sono attestati 30 chilometri più a sud, nel villaggio di Bir-Ayyad, ai piedi delle montagne. Una ritirata che aumenta la frustrazione fra insorti e Nato per la tenace resistenza di Gheddafi, nonostante 15 settimane di raid, e per la lentezza dei progressi sul campo, che pure ci sono stati nelle ultime settimane.

Trattative segrete in corso
- E se oggi è trapelato che l'isola tunisina di Djerba è stata teatro negli ultimi giorni di trattative indirette e segrete tra gli inviati di Gheddafi e diplomatici di Nato, Francia e Gran Bretagna, i capi di stato e governo dell'Unione africana (Ua), riuniti a porte chiuse per il secondo giorno in un vertice sulla Libia a Malabo, capitale della Guinea Equatoriale, hanno posto i loro paletti. "Gheddafi non deve partecipare al processo negoziale", scrivono nel documento finale i leader dell'Ua, che a fatica hanno trovato un consenso fra loro su un "accordo quadro" per una soluzione politica al conflitto libico. "Se vediamo che si ritira, siamo pronti a fermarci e a negoziare con i nostri fratelli che sono attorno a Gheddafi", ha commentato da parte sua il rappresentante del Consiglio nazionale di transizione (Cnt) al vertice di Manabo, Sayd Al-Nasr.

Leggi tutto