Atterraggio d'emergenza in autostrada, tragedia in Russia

Un'immagine dell'incidente aereo in Russia
1' di lettura

Un Tupolev perde il controllo nei pressi dell'aeroporto di Petrozavodsk, capitale della Repubblica autonoma russa della Carelia, al confine con la Finlandia. Oltre 40 morti. LE IMMAGINI

Gaurda anche:
Lo scorso anno la tragedia di Smolensk
Quando la paura di volare è giustificata

E' di 44 morti e otto sopravvissuti il bilancio dell'incidente aereo avvenuto nel corso della notte in Russia.  Il Tupolev della compagnia RusAir si è schiantato al suolo e ha preso fuoco dopo aver cercato di effettuare una manovra di atterraggio su  un'autostrada ad un chilometro di distanza dall'aeroporto di  Petrozavodsk, nella repubblica russa della Carelia, vicino al confine  con la Finlandia. Fra i sopravvissuti, secondo il sito lifenews.ru, vi sono un bambino di dieci anni, la sorella di 17 e una assistente di  volo. Tutti sono in condizioni critiche per le forti ustioni. Fra i  morti vi sarebbe un cittadino svedese.

L'aereo era partito da Mosca diretto a Petrozavodsk. Non è  chiaro cosa abbia provocato l'incidente, accaduto in condizioni meteo  sfavorevoli, con pioggia e una fitta nebbia. Il pilota ha perso il  contatto con la torre di controllo alle 23.40 (ora locale) e ha  sfiorato le case prima di tranciare una linea elettrica e schiantarsi  sull'autostrada. La RusAir èuna compagnia privata basata a Mosca,  specializzata in voli charter nella Russia occidentale ed in Europa  orientale.


Leggi tutto