Attacchi informatici a Gmail per rubare password “illustri”

1' di lettura

Secondo Google presunti hacker cinesi avrebbero tentato di impossessarsi delle password di centinaia di utenti (tra cui importanti funzionari del governo Usa, attivisti asiatici, militari e giornalisti). Ma la Cina respinge le accuse

Presunti hacker cinesi hanno cercato di rubare le password di centinaia di account Gmail, comprese quelle di importanti funzionari del governo Usa, di attivisti cinesi e giornalisti. Lo ha reso noto oggi Google, secondo cui gli hacker arriverebbero da Jinan, la capitale della provincia di Shandong, nella Cina orientale. A Jinan si trova uno dei sei uffici di ricognizione tecnica di proprietà dell'Esercito di liberazione popolare e il college tecnico che gli investigatori Usa l'anno scorso hanno collegato ad un altro attacco a Google.

La portavoce del ministero degli Esteri cinese ha detto però che le accuse di Google "sono completamente infondate e hanno ulteriori motivi", aggiungendo di "non poter accettare" che l'hackeraggio venga collegato alla Cina, che si oppone invece a qualsiasi tentativo di pirateria informatica e si considera anzi una vittima. Washington ha fatto sapere che sta indagando sulle accuse di Google mentre l'Fbi ha detto di stare lavorando con la società informatica dopo gli attacchi, gli ultimi in ordine di tempo contro multinazionali, che alimentano preoccupazioni sulla sicurezza di Internet.

Gli hacker, recentemente, hanno tentato di violare e monitorare indirizzi mail rubando le password, ma Google li ha intercettati e ha "fermato" la loro campagna, ha fatto sapere la più grande società del mondo nel settore delle ricerche sul web sul suo blog ufficiale. "Recentemente abbiamo scoperto una campagna per raccogliere le password degli utenti, probabilmente attraverso il phishing", ha detto Google, facendo riferimento alla tecnica con cui si ingannano gli utenti per cercare di ottenere informazioni sensibili. “Sembra che l'obiettivo fosse quello di monitorare i contenuti delle mail di questi utenti". L'attacco, ha fatto sapere Google, "ha riguardato gli account Gmail personali di centinaia di utenti, tra i quali importanti funzionari governativi Usa, attivisti politici cinesi, funzionari in molti paesi asiatici (in particolare in Corea del Sud), personale militare e giornalisti".

Leggi tutto