Afghanistan, si aggravano le condizioni del capitano ferito

1' di lettura

Il ministro La Russa, riferendo in Aula alla Camera sull’attentato ad Herat, ha detto che il militare “è ancora seriamente in pericolo di vita”. Gli altri quattro italiani coinvolti, invece, non sono gravi

Guarda anche:
VIDEO: Una tv afghana riprende l'attacco
FOTO: le immagini della base italiana dopo l'attentato
SPECIALE AFGHANISTAN

L'attentato di lunedì 30 maggio nell'Afghanistan occidentale, in cui sono rimasti feriti cinque militari italiani (uno dei quali è in pericolo di vita), rientra in una "strategia della tensione" che ha come obiettivo il processo di transizione. Lo ha detto il ministro della Difesa Ignazio La Russa in un'informativa alla Camera.

"Herat rappresenta senza dubbio il simbolo del processo della transizione nella Regione Ovest ed appare evidente che l'attentato sia parte di una strategia della tensione rivolta contro tale processo, che preoccupa più di ogni cosa insurgent e talebani". Herat, città al confine con l'Iran in cui ha sede il Prt (Provincial reconstruction team) oggetto dell'attentato, è una delle prime sette aree in cui la responsabilità della sicurezza dovrebbe passare progressivamente dalle forze straniere a quelle afghane. Nella Regione Ovest, a guida italiana, l'inizio della transizione è fissato per luglio.

La Russa ha spiegato che il peggio è stato evitato "per il complesso di misure esistenti" e per la pronta reazione sia degli italiani che di esercito e polizia afghani. "Si può parlare di un attentato fallito, perché ben altri erano gli obiettivi e l'effetto che gli insurgentes volevano raggiungere", ha aggiunto precisando che il camioncino carico di esplosivo usato dai ribelli era diretto contro l'ingresso principale del Prt mentre è finito contro un muro della base, e che nei controlli seguiti all'attacco sono stati anche trovati nelle vicinanze della base due giubbotti esplosivi.

"L'esplosione, unitamente alle conseguenze del crollo delle infrastrutture, sono state le cause del ferimento dei nostri militari", nessuno dei quali è stato raggiunto dal fuoco aperto dai ribelli contro la base subito dopo l'esplosione. Il ministro ha detto che le condizioni di uno dei feriti "si sono aggravate nella notte e attualmente è ancora seriamente in pericolo di vita. Se ne sta organizzando il rientro in Italia".

Tutti i video sui militari italiani in Afghanistan

Leggi tutto