Siria, ancora sangue in piazza. Frattini: "Servono sanzioni"

1' di lettura

Nuovi scontri e diverse vittime tra i manifestanti scesi in strada per protestare contro il regime. Lunedì 23 maggio l’Unione Europea studierà nuove misure e il ministro degli Esteri italiano si dice favorevole al pugno duro contro il presidente Assad

Guarda anche:
Rivolta in Siria: I VIDEO DA YOUTUBE
Lo speciale Mediterraneo: video, foto, news

(in fondo all'articolo tutti i video delle proteste in Siria)

Una nuova giornata, l’ennesima, di sangue e violenza in Siria. Secondo la tv al-Arabiya, che cita alcuni attivisti per i diritti umani, una ventina di dimostranti in piazza per manifestare contro il regime del presidente Basjar al-Assad, sarebbero stati uccisi in diverse città del paese. Testimoni oculari riferiscono di almeno quattro morti caduti a Barze, quartiere periferico di Damasco. La tv di Stato ha però smentito la notizia secondo cui ci sarebbero state vittime negli ultimi scontri.
Le proteste contro il presidente siriano al-Assad sono  divampate in particolare a Daraa, Homs, Banias e Albukamal.

Intanto un nuovo pacchetto di sanzioni contro esponenti del regime siriano, tra cui il presidente Bashar al-Assad, verrà discusso dai ministri degli Esteri dei Paesi Ue nel vertice di lunedì 23 maggio a Bruxelles. Lo ha reso noto il portavoce della Farnesina, Maurizio Massari, nel consueto briefing settimanale con la stampa, spiegando che la proposta di nuove sanzioni a livello europeo "è stata discussa e c'è consenso a livello tecnico" e "anche a livello politico". Il nuovo pacchetto, ha spiegato Massari, estenderà a un'altra decina di membri del governo siriano, tra cui lo stesso Assad, le sanzioni già disposte alcuni giorni fa dall'Ue a carico di 13 esponenti del regime coinvolti nelle violenze contro i civili. I provvedimenti, ha precisato il portavoce della Farnesina, riguarderanno "il congelamento dei beni, il 'travel ban' e l'embargo sulla vendita delle armi".

Anche il ministro Frattini, a margine di una conferenza, ha spiegato: "Credo che sia maturo il momento perché l'Unione Europea adotti sanzioni più severe, anche nei confronti del presidente Assad, se nel giro di poche ore questa violenza inaccettabile non smette".

Guarda tutti i video sulla Siria:

Leggi tutto