Napolitano: i palestinesi avranno un ambasciatore in Italia

Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano
1' di lettura

L'annuncio durante la sua visita in Israele e Palestina. Il presidente della Repubblica interviene anche sulla Libia: ok al cessate il fuoco se alle parole seguiranno i fatti. LO SPECIALE

Guarda anche:
Guerra in Libia: LO SPECIALE
Guerra in Libia: tutte le immagini
Libia: la cronologia interattiva

(in fondo all'articolo tutti i video sulla Libia)

L'Italia ha deciso di levare al rango di ambasciata la delegazione diplomatica permanente dell'Autorità nazionale palestinese a Roma.
Lo ha annunciato Giorgio Napolitano al termine dei colloqui con il presidente Abu Mazen, durante la sua visita in Israele e Palestina.
Napolitano si è inoltre soffermato su diversi temi della politica estera, tra cui la guerra in Libia, sulla quale Frattini si è detto convinto che "il regime ha le ore contate".

L'Italia - ha detto Napolitano - prenderà in considerazione la disponibilità delle forze libiche fedeli a Gheddafi per un cessate il fuoco se le disponibilità nuovamente annunciate "saranno seguite dai fatti".
E della situazione in Medio Oriente, Napolitano ha paraltro anche nell'intervento di apertura, a Gerusalemme, del convegno 'Italia-Israele, gli ultimi 150 anni insieme',
Per il presidente della Repubblica, la regione è "attraversata da fermenti convulsi e spesso indecifrabili", che però sono "sicuramente rappresentativi di una aspirazione sincera dei popoli e delle nazioni alla libertà e alla affrancamento dall'autocrazia e dall'oscurantismo".

Leggi tutto