Obama ridicolizza Trump: "Ecco il video della mia nascita"

1' di lettura

Discorso-show del presidente Usa durante la cena dei corrispondenti. L'inquilino della Casa Bianca ha preso in giro il suo possibile sfidante alle prossime elezioni ed è tornato sulla polemica dei cosiddetti "birthers". Con l'aiuto del "Re Leone". VIDEO

GUARDA LE FOTO DEL CERTIFICATO

Barack Obama si vendica. Durante la cena annuale dei corrispondenti alla Casa Bianca, il presidente americano si è preso gioco di Donald Trump, uno dei suoi possibili sfidanti alle presidenziali del 2012, e della sua battaglia per dimostrare che Obama non è nato in America.

Il presidente Usa ha ironizzato sui cambiamenti che il miliardario potrebbe portare alla Casa Bianca, trasformandolo da maestoso palazzo signorile in un casinò di cattivo gusto con la vasca idromassaggio in giardino.

Giorni dopo aver esibito il certificato di nascita per dimostrare una volta per tutte di essere nato negli Usa, in risposta a coloro, Trump in testa, che sostenevano il contrario, Obama ha iniziato il suo discorso mostrando quello che lui ha definito "il suo video di nascita". Ma piuttosto che il filmato di Barack-bambino, è stata mostrata una clip del film targato Disney "Il Re Leone", con la nascita del leoncino Simba in Africa.

Quindi, rivolgendosi a Trump, il presidente ha chiesto: "Adesso può rivolgersi alle questioni più importanti. Per esempio il fallimento della missione sulla luna? Cosa accadde veramente a Roswell? E dove sono Biggie e Tupac?", riferendosi alle teorie che definiscono una messinscena la camminata sulla luna di Neil Armstrong nel 1969, al presunto schianto di un Ufo nel New Mexico e alle mille versioni sulla morte dei due rapper Biggie Smalls e Tupac Shakur.

Nemmeno la moglie, Michelle Obama, è stata risparmiata dalle sue battute. Alludendo al suo impegno per promuovere una sana alimentazione, il presidente ha detto che i due hanno fatto squadra in occasione della recente "caccia" alle uova di Pasqua: "io davo...le caramelle ai bambini e lei poi gliele toglieva di mano".

Sul finale Obama ha poi ripreso un registro serio con un tributo ai giornalisti coraggiosi "picchiati, minacciati, arrestati e in qualche caso anche uccisi", senza dimenticare le vittime dei tornado che hanno colpito sette Stati americani nei giorni scorsi (GUARDA LE IMMAGINI).

Il video di Obama che scherza sul suo certificato di nascita

Leggi tutto