Fukushima, ecco come l'onda si è abbattuta sulla centrale

1' di lettura

A quasi un mese di distanza dal cataclisma che ha travolto il nordest del Giappone, un filmato amatoriale mostra lo tsunami di 15 metri che ha travolto il sito nucleare. IL VIDEO

Guarda anche:
Tsunami Giappone: news, foto e video. Lo speciale
Il dibattito sul nucleare: domande e risposte
Referendum sul nucleare: in Italia si vota a giugno

E' l'11 marzo quando lo tsunami, generato dal terremoto di magnitudo 9 sulla scala Richter che scuote il nordest del Giappone, distrugge con la sua furia ciò che il sisma non è riuscito a inghiottire. A un mese dalla tragedia, si contano ancora i danni di quel giorno che ha le proporzioni di un cataclisma. Il bilancio, non ancora definitivo parla di 12.998 morti accertati, ma 14.691 persone sono tuttora ritenute disperse.
Una cosa è certa, oltre ai morti e agli sfollati, sul Giappone incombe l'incubo del nucleare. E le immagini registrate da un testimone (GUARDA IL VIDEO IN ALTO) restituiscono le dimensioni della tragedia. Quella che si vede nella breve clip, infatti, è la centrale nucleare di Fukushima sulla quale, l'11 marzo scorso, si è abbattuta un'onda anomala alta oltre 14 metri. La centrale era stata costruita per resistere a un'onda di 5 metri.

Sarà stata l'esplosione delle coperture di due reattori, l'incremento della temperature dei noccioli, l'aumento delle radiazioni dentro e fuori l'impianto, la fuga di acqua radioattiva, e la scalata dei gradi di gravità con cui è stato classificato l'incidente (fino al più grave, il settimo, indicato da Greenpeace in un recente rapporto come quello assegnato nel 1986 al disastro di Chernobyl in Ucraina) ma da Fukushima in poi ci si è iniziato a interrogarsi quale davvero fosse il bilancio benefici-rischi di questa tecnologia.

E intanto l'Italia il 12 giugno prossimo sarà chiamata a esprimersi sul quesito referendario legato proprio alla presenza di centrali nucleari sul nostro territorio.

Leggi tutto