Afghanistan, La Russa: “Realistico nostro ritiro nel 2014”

1' di lettura

Lo ha detto il ministro della Difesa intervistato ad Herat da SkyTG24. Ma ha precisato: "Anche dopo il 2014 è ipotizzabile una presenza dei nostri militari nel contingente internazionale per continuare ad addestrare le forze locali". IL VIDEO

Guarda anche:
SPECIALE AFGHANISTAN
AFGHANISTAN: L'ALBUM FOTOGRAFICO

“È realistico parlare del 2014 per il ritiro completo delle truppe italiane dall’Afghanistan, ma non si può fissare una data come per il capodanno”. Lo ha detto a SkyTG24 il ministro della Difesa Ignazio La Russa intervistato a Herat. “C'è ancora molto da fare, ma finora il lavoro è stato ben fatto, e si avvicina il momento in cui potremo riconsegnare l'intero Afghanistan alle autorità locali. Il contingente internazionale dovrà mantenere la capacità di addestramento delle forze armate e della polizia afghana. Se si continua con i successi finora conseguiti – ha aggiunto il ministro - il 2014 è realistico. Credo comunque che anche dopo il 2014, è ipotizzabile una presenza dei nostri militari in Afghanistan nel contingente internazionale per continuare ad addestrare al meglio la polizia e lo stesso esercito afghano, ma non saranno più impegnati nel territorio fuori dai luoghi di addestramento”.

“Abbiamo valutato – ha concluso La Russa - che i pericoli in primavera non diminuiranno perché andremo a controllare zone che erano in mano ai talebani. Ma è un lavoro ben fatto perché aiuta gli afghani"

Leggi tutto