Afghanistan, attaccato edificio dell'Onu

1' di lettura

Dopo la preghiera del venerdì manifestanti scendono in piazza a Mazar i Sharif per prostare contro una copia del Corano bruciata negli Stati Uniti. Presi di mira gli uffici delle Nazioni Unite, diversi funzionari sarebbero stati uccisi

Guarda anche:
SPECIALE AFGHANISTAN
AFGHANISTAN: L'ALBUM FOTOGRAFICO

Potrebbero essere una ventina i morti nell'attacco all'edificio delle Nazioni Unite a Mazar-i- Sharif, città dell'Afghanistan del nord, dopo una manifestazione contro un predicatore statunitense reo di aver bruciato copie del Corano, sfociata in episodi di violenza. Il bilancio, probabilmente destinato a cambiare, comprende membri dello staff internazionali e locali, guardie Onu e soldati nepalesi Gurkha ingaggiati per proteggere l'edificio, hanno riferito i funzionari Onu, che hanno preferito rimanere anonimi. Un portavoce della polizia della regione settentrionale ha detto che otto membri stranieri dello staff dell'Onu sono stati uccisi e due di loro decapitati.

Più di mille contestatori erano scesi per le strade di una città normalmente pacifica dopo le preghiere del venerdì, e dopo circa due - tre ore sono cominciati gli episodi di violenza. Un piccolo gruppo di manifestanti ha attaccato l'edificio dell'Onu, lanciando pietre e cercando di scavalcare per fare irruzione. Una fonte della polizia, che ha preferito rimanere anonima perché non autorizzata a parlare con i media, ha detto che i contestatori sono entrati nell'edificio dove hanno attaccato le vittime. Il capo della missione Onu nella città è rimasto ferito, mentre tra i morti ci sono dipendenti di nazionalità norvegese, rumena e svedese, ha aggiunto la fonte.

Un portavoce dell'Onu ha confermato la notizia di morti tra il personale della missione a Mazar-i-Sharif ma non ha voluto aggiungere ulteriori dettagli, limitandosi a dire che la situazione è ancora confusa. Staffan De Mistura, principale rappresentante Onu in Afghanistan, si sta recando sul luogo per gestire personalmente la situazione, ha riferito la fonte. Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha fortemente condannato l'uccisione dei membri dello staff Onu, facendo le condoglianze alle famiglie e invitando tutte le parti a risolvere le loro differenze attraverso il dialogo. Migliaia di manifestanti hanno sfilato per le strade anche ad Herat, mentre 200 persone hanno manifestato a Kabul, senza episodi di violenza.

Leggi tutto