Siria: si è dimesso il governo

1' di lettura

Dopo due settimane di proteste l'esecutivo in carica dal 2003 lascia il potere. Atteso un discorso del presidente Assad che dovrebbe annunciare una serie di riforme chieste dai cittadini


Guarda anche:
Siria: carri armati circondano Daraa, fuoco sui manifestanti
Rivolta in Siria: I VIDEO DA YOUTUBE
Lo speciale Mediterraneo: video, foto, news
Le foto della protesta in Nord Africa

Dopo quasi due settimane di proteste contro il regime baathista degli Assad con scontri fra manifestanti e forze di sicurezza e oltre 150 morti, la giornata di mercoledì 30 marzo potrebbe essere cruciale per la Siria che verrà. Il presidente siriano Basher al Assad è atteso per un importantissimo discorso davanti al Parlamento all'indomani delle dimissioni dell'esecutivo di Mohammed Nahi al Otari in carica dal 2003. Il governo di Otari dal 2003 ad oggi è stato rimaneggiato per sette volte, lascerà definitivamente i poteri quando sarà formato un nuovo esecutivo, del quale è probabile che ne dia annuncio Assad nel suo discorso. Il presidente dovrà illustrare il suo pacchetto di riforme, annunciando una serie di aperture, a cominciare dalla revoca dello stato d'emergenza in vigore da 48 anni e dalla riforma della legge sui partiti e sui mezzi d'informazione.

Ma non solo, la sua super consigliera Buthaina Shaaban aveva parlato di aumenti "tra il 20% e il 30%" per i dipendenti pubblici, e più in generale il governo si sarebbe impegnato a misure per migliorare la condizione dei più poveri. Fino ad oggi il regime siriano ha continuato ad usare il pugno di ferro contro la rivolta con morti e arresti di massa. Simbolo della rivolta la moschea di Omari nel cuore di Deraa, 130 chilometri a sud della capitale, vicino al confine giordano, dove centinaia sfidando il divieto di manifestare si erano accampati dentro e fuori la moschea, assaltata nella notte di martedì scorso dalle forze di sicurezza, con un bilancio che supera i 50 morti secondo le associazioni per la difesa dei diritti umani. Il giorno seguente l'esercito ha mandato le sue truppe per accerchiare la città con posti di blocco. Ma né queste, né l'annuncio di misure di apertura erano riusciti ad affievolire la rivolta che si era nel frattempo estesa a Latakia, Homs, Sanamein arrivando fino alla blindatissima Damasco.

Anche lunedì non sono mancate le violenze con le forze di sicurezza siriane che hanno aperto il fuoco a Deraa su centinaia di dimostranti che inneggiavano a favore dell'abrogazione della legge di emergenza, in vigore dal 1963. Intanto oggi a Damasco e in molte altre città siriane il regime ha portato in piazza decine di migliaia di sostenitori con bandiere nazionali e i poster di Assad. Le autorità siriane, per confondere l'opinione pubblica internazionale, avevano nei giorni scorsi accusato gli islamisti di esasperare la divisione settaria già molto forte in Siria, Paese a maggioranza sciita ma con una grande comunità di cristiani, drusi e alawiti. Sabato per allentare la tensione, il governo ha liberato oltre 250 detenuti politici la maggioranza dei quali islamisti dalla prigione militare di Saydnaya. Tutte misure che farebbero pensare a un allentamento del potere del partito baathista e forse degli stessi Assad, che hanno controllato con pugno di ferro il Paese alleato del regime sciita iraniano contro l'occidente e Israele e ribattezzato "il regno del silenzio". Domani i siriani sapranno forse quali, sono le strade che intraprenderà la loro nazione.

Tutti i video sulla Siria:

Leggi tutto