Libia, non ci sarà nessuno scudo Nato

La Nato ha fatto sapere che non ci sarà uno scudo
1' di lettura

L'Alleanza Atlantica ha fatto sapere che metterà a disposizione mezzi e strutture, ma non la bandiera. L'impegno in prima linea dell'organizzazione internazionale è ritenuto troppo rischioso anche dai paesi della 'coalizione dei volenterosi'

Guarda anche:
Tutte le NEWS e le FOTO
AUDIO: Gheddafi, "Vinceremo contro i crociati"
Decollano i Tornado italiani. I VIDEO
LO SPECIALE: Dalle proteste di piazza alla guerra nel Mediterraneo

(Guarda tutti i video sulla Libia in fondo all'articolo)

Non ci sarà uno scudo Nato per l'operazione militare in Libia: l'Alleanza metterà a disposizione mezzi e strutture, ma non la bandiera. I paesi della 'coalizione dei volenterosi' scesi in campo per fare rispettare la risoluzione 1973 del consiglio di sicurezza dell'Onu - ha detto a Rio de Janeiro il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca Tom Donilon - sono d'accordo a non dare il comando delle operazioni alla Nato, ma di sfruttarne le strutture. La dichiarazione di Donilon sgombra il campo dalle incertezze di queste giorni sul ruolo dell'Alleanza Atlantica, che alcuni paesi europei (tra i quali il Belgio, la Gran Bretagna e l'Italia) avrebbero voluto in prima linea, e che altri - in particolare la Francia - ritenevano non dovesse essere tale. Troppo rischioso, secondo i francesi, impegnare l'ombrello Nato sotto il quale 46 paesi combattono Al Qaida da dieci anni in Afghanistan - in un ambiente socio-politico esplosivo come quello nord africano.

E anche il capo del pentagono Robert Gates ha riconosciuto che potrebbero esservi resistenze da parte dei Paesi della Lega Araba a prendere parte a operazioni militari sotto l'egida dell'Alleanza Atlantica. La partecipazione di paesi arabi e africani alla coalizione  nternazionale è invece per tutti una priorità, in particolare dopo le perplessità espresse dall'Unione africana e dalla stessa Lega araba dopo le conseguenze dei primi raid.

L'annuncio degli Usa - di fatto 'azionisti di maggioranza' della Nato - è arrivato troppo tardi per potere essere commentato al quartiere generale a Bruxelles, dove fino a mezzanotte gli ambasciatori dei 28 alleati si sono riuniti per proseguire il lavoro di preparazione dei piani militari. Nei giorni scorsi, il segretario generale della Nato Anders Fogh Rasmussen ha impresso un'accelerazione al lavoro di pianificazione. L'ambizione era di chiudere entro il fine settimana i piani per assicurare l'arrivo di aiuti umanitari e il rispetto dell'embargo di armi e dell'interdizione dello spazio aereo libico. Gli esperti militari e gli ambasciatori hanno concluso i primi due piani, ma non il terzo: la Turchia ha chiesto infatti di rivedere la pianificazione per la no fly-zone alla luce delle perdite civili che i raid in corso potrebbero provocare. La delegazione turca ha chiesto nel pomeriggio una sospensione dei lavori per potere consultarsi con Ankara. La riunione, ripresa alle 22.30, è terminata senza chiarire i dubbi della Turchia. Il Consiglio atlantico tornerà a riunirsi anche oggi. Sarà l'occasione per prendere atto dell'annuncio arrivato dal Brasile, che toglie alla Nato ogni ambizione di guida delle operazioni, ma le riconosce di essere l'unica organizzazione che può mettere in campo, in tempi molto rapidi, mezzi, strutture e know how militari.

Leggi tutto