Libia, Saif al Islam: l'Italia pagherà il suo tradimento

1' di lettura

Irritato per l'atteggiamento del nostro Paese, primo partner libico nel mondo, il figlio di Gheddafi avverte: "Cambi posizione o faremo i conti". Intanto la repressione degli uomini fedeli al colonnello arriva anche nelle scuole: intimidazioni a studenti

Guarda anche:
SPECIALE MEDITERRANEO
Libia in rivolta: tutte le foto
La Libia, i giornalisti, e l'insidia della propaganda
Il figlio di Gheddafi: "Non ci arrenderemo mai"

(In fondo all'articolo tutti i video sulla Libia)

L'Italia potrebbe essere "la prossima vittima" di una rivolta come quella libica, ed è meglio che cambi posizione se non vuole trovarsi a fare i conti con una vittoria di Muammar Gheddafi. La profezia, che sembra una minaccia, arriva dal secondogenito del Colonnello, Saif al Islam, in un'intervista a Repubblica e al Corriere della Sera.
"Siamo rimasti molto scioccati, anzi molto irritati, dalla vostra posizione perché voi siete il primo partner della Libia al mondo", afferma l'uomo che il leader libico aveva designato
come proprio successore. "Berlusconi - aggiunge - è nostro amico, siamo vicini, siamo amici. Potevamo aspettarci questo dalla Gran Bretagna, dalla Francia, dalla Svezia: non
dall'Italia. Abbiamo un futuro comune. Se non perdiamo la battaglia qui, voi sarete i prossimi". "Questo - prosegue - è il momento per i veri amici, adesso l'Italia deve cambiare posizione", altrimenti "presto faremo i conti con tutti. Sarà molto facile rimpiazzare l'Italia con la Cina o con la Russia".
"Sapete che cosa accadrebbe se le milizie prendessero il controllo del Paese?", minaccia Saif al Islam. "Che voi - si risponde - sareste le prime vittime, avreste milioni di immigrati illegali, i terroristi salterebbero dalle spiagge di Tripoli verso Lampedusa e la Sicilia. Sarebbe un incubo per l'Italia, svegliatevi!". "La Libia - conclude - è una linea del fronte per l'Italia. Quello che succede oggi qui da noi determinerà quello che succederà da voi domani. Lo ripeto: state attenti!"

Continua la repressione di Gheddafi - intanto, la repressione della rivolta libica da parte dell'esercito di Muammar Gheddafi si estende anche nelle scuole. Secondo il racconto degli studenti, citati dal quotidiano International Herlard Tribune, i militari si sarebbero recati negli istituti riaperti da poco per intimare agli studenti di guardare solo la tv di stato. Gli alunni hanno parlato anche del pagamento di circa 200 lire libiche, circa 160 dollari, al giorno per prendere parte a manifestazioni pro-colonnello, senza nascondere il  timore che in questa situazione "confidarsi con l'amico sbagliato  possa costarti un interrogatiorio segreto della polizia".

Con una popolazione al 70% formata da cittadini con meno di 35  anni, la Libia è destinata a restare fortemente segnata dalla  risposta violenta dei miliziani di Gheddafi contro gli insorti. Gli studenti parlano di "orrore e violenza". Un ragazzo di  17enne ha detto che un bambino di 7 anni è stato trattenuto per una settimana dai militari che poi lo hanno lasciato davanti allo stadio di calcio di Tripoli, non si hanno invece notizie del padre e del  fratello adolescente. Tutti e tre avevano preso parte ad una protesta contro il regime. "E' terribile", ha commentato.

Intimidazioni a scuola - Sebbene le scuole siano state riaperte, a Tripoli le classi sono dimezzate perché molte famiglie hanno lasciato la città. Scarseggiano anche i docenti. "Forse hanno paura" ha  osservato un alunno. "Solo uno sostiene il regime, tutti gli altri  sono contro".
Ci sono giovani che per denaro hanno accettato di scendere in  piazza per Gheddafi, racconta uno studente. "Un ragazzo a cui Gheddafi non era mani piaciuto ha accettato le 200 lire libiche per partecipare ad una manifestazione pro-governo ed ha detto 'lo farò ogni giorno'.  E' vergognoso".
Una 14enne ha raccontato che tra i giovani però la situzione non sembra così omogenea. "Alcuni hanno paura, alcuni davvero vogliono Gheddafi, sottolineando che dopo 40 anni di potere le generazioni più adulte "non riescono a vcedere alla guida del paese  non riescono a vedere nessuno al di fuori del colonnello".
Intanto dopo settimane di violenta repressione la paura cresce sempre più tra la popolazione. "La mia famiglia ha paur ed ha  cominciato a fare provviste se la situazione dovesse peggiorare  ulteriormente" racconta una ragazza.

Leggi tutto