Wikileaks, Assange sarà estradato in Svezia

Julian Assange, Wikileaks
1' di lettura

Il tribunale di Londra ha accolto la richiesta della magistratura svedese, che vuole sentire il fondatore del sito di controinformazione accusato di stupro. La difesa ha 7 giorni per fare appello. VIDEO E FOTO

Guarda anche:
WikiLeaks, l'album fotografico
Cos’è e come funziona Wikileaks.
Ecco dove trovare i documenti


Il tribunale di Londra ha concesso l'estradizione del fondatore di Wikileaks, Julian Assange, in Svezia (Qui la sentenza). Il giudice britannico Howard Riddel ha così accolto la richiesta della magistratura svedese che vuole sentire il capo del sito di controinformazione per accuse di stupro.
Gli avvocati di Assange, che ha suscitato l'ira del governo Usa dopo aver diffuso migliaia di
cablogrammi della diplomazia statunitense, sostenevano invece che al loro cliente non sarebbe garantito un giusto processo in Svezia.

Assange ha accolto impassibile il verdetto a braccia conserte. Nel corso dell'udienza, il giudice Howard Riddle ha smontato punto per punto i capisaldi della difesa dell'australiano.
E a proposito della eventualità sollevata dai suoi avvocati, che se trasferito in Svezia il capo di Wikileaks potrebbe essere estradato negli Usa, il giudice ha detto che questa decisione dovrebbe comunque essere convalidata dal governo britannico.

Il fondatore di Wikileaks ha ora sette giorni di tempo per ricorrere in appello, altrimenti verrà estradato entro dieci giorni.

Tutti i video sulle rivelazioni di Wikileaks:


Leggi tutto