Egitto: notte di sangue al Cairo

1' di lettura

Circa 10 manifestanti sono rimasti uccisi da alcuni colpi di arma da fuoco sparati dai sostenitori di Mubarak. L'esercito ha arrestato diverse persone. Le tv hanno mostrato in diretta due corpi che venivano portati via. IL VIDEO SHOCK

VAI ALLO SPECIALE

LA MAPPA: Turisti fai da te? Occhio ai Paesi ad alta tensione

LE FOTO: In piazza Tahir è guerra civile - Quando tutti amavano Mubarak - L'album: tutte le gallery

I VIDEO: Assalto al museo egizio - In Egitto come a Tienanmen - La rivolta in onda su YouTube

Notte di sangue al Cairo. Dopo una giornata di scontri tra i manifestanti pro e contro Mubarak in piazza Tahrir, le violenze sono continuate per tutta la notte tra il 2 e il 3 febbario.
Diversi colpi di arma da fuoco sono stati esplosi dal ponte 6 ottobre contro i manifestanti, poco distante da piazza Tahrir, causando la morte di una decina di persone, secondo fonti mediche. I militari dell'Esercito hanno esploso raffiche in aria per mettere in fuga degli uomini armati che sparavano da auto che viaggiavano a forte velocità sul ponte. I soldati hanno poi sparato nuovamente colpi di avvertimento nel tentativo di sedare gli scontri, proseguiti per tutta la notte con il lancio di sassi e bottiglie molotov.

Dopo più di un'ora di intense sparatorie, le reti tv hanno mostrato in diretta due corpi portati via, mentre gli oppositori e i sostenitori di Mubarak continuavano a tirarsi pietre l'un l'altro (guarda il video in alto).

Tutti i video sull'Egitto

Leggi tutto