Kamikaze a Mosca, Medvedev accusa i responsabili dello scalo

1' di lettura

Sarebbe stata una donna, con l'aiuto di un complice, a farsi esplodere nell'aeroporto della capitale provocando 35 morti e oltre 160 feriti. Il presidente russo denuncia falle nel sistema di sicurezza. VIDEO E FOTO

Le foto dell'attentato

(in fondo all'articolo tutti i video sull'attentato)


Potrebbe essere stata una donna, con l'aiuto di un complice, a compiere l'attentato suicida che all'aeroporto Domodedovo di Mosca ha provocato ieri 35 morti e più di 165 feriti (tra cui un italiano, non in gravi condizioni). Entrambi gli attentatori sarebbero morti. Intanto il presidente russo Dmitry  Medvedev ha denunciato falle nel sistema di sicurezza dello scalo della capitale.

La dinamica - "L'esplosione è avvenuta nel momento in cui la presunta attentatrice suicida ha aperto la propria borsa", hanno riferito fonti riservate delle forze di sicurezza russe, citate dall'agenzia di stampa statale 'Ria-Novosti'.
"La terrorista era accompagnata da un uomo, il quale si trovava dietro di lei. L'onda d'urto gli ha staccato il capo". Si tratterebbe della testa mozzata, appartenente a un trentenne dai tratti somatici simili a quelli arabi, ritrovata tra le macerie dagli inquirenti qualche ora dopo la strage. Le stesse fonti anonime hanno, quindi, evidenziato come l'attacco dinamitardo recasse tutte la caratteristiche tipiche degli attentati perpetrati dagli estremisti del Caucaso del Nord, dunque anche della Cecenia. "Questo atto di terrorismo", hanno sottolineato, "ha seguito il classico schema adottato dai terroristi provenienti dal Caucaso settentrionale".

Medvedev: "Falle nella sicurezza" -
Il presidente russo Dmitry Medvedev ha affermato che ci sono state falle nella sicurezza nello scalo Domodedovo. Secondo quanto riferito dai media, i servizi FSB avevano avuto segnalazioni una settimana fa di un piano di attacco. Martedì 25 il presidente, in televisione, è apparso molto scosso, ha ordinato un "regime speciale" per alzare il livello di sicurezza negli altri aeroporti e nelle stazioni ferroviarie.

Tutti i video sull'attentato

Leggi tutto