Tunisia: da tutto il Paese in marcia "per la libertà"

1' di lettura

Centinaia di persone si sono radunate davanti alla sede del governo nella Capitale per chiedere le dimissioni dell'esecutivo ad interim, ritenuto ancora troppo legato a Ben Alì. Intanto due collaboratori dell'ex presidente sono stati arrestati. VIDEO

Guarda anche:
Tunisia, una rivoluzione targata Wikileaks?
Le foto delle violenze in Tunisia
Manifestazione di protesta anche a Milano: FOTO


Alcune centinaia di persone si sono radunate davanti alla sede del governo tunisino, nella Capitale del Paese, per un sit-in di protesta. I partecipanti chiedono le dimissioni di tutto il governo ad interim ritenuto ancora troppo legato al presidente Ben Alì. La maggior parte di loro sono giunti a Tunisi dalla regione di Sidi Bouzid, centro est della Tunisia. "Siamo qui per ricordare a tutto il Paese che la rivoluzione è cominciata a Sidi Bouzid", dicono i molti giovani presenti, che hanno raggiunto la Capitale a piedi e con mezzi di fortuna.

"Siamo venuti a piedi fin qui per far cadere il governo. E altri ancora arriveranno, sono già per strada. Noi siamo i primi" dice un ragazzo, che racconta di essersi messo in cammino ieri mattina, mentre altri sono in marcia da giorni.

Intanto sono stati arrestati, e sono al momento ai domiciliari, due stretti collaborati dell'ex presidente tunisino. Si tratta di Abdelaziz Ben Dhia, primo consigliere e portavoce della presidenza, e Abdallah Kallel stretto collaboratore di Ben Ali. Mentre è ricercato un terzo uomo fedelissimo dell'ex leader e suo consigliere politico, Abdelwahab Abdallah.

Tutti i video sulle proteste in Tunisia

Leggi tutto