Albania: l'opposizione convoca una nuova manifestazione

Il leader dell'opposizione socialista albanese Edi Rama
1' di lettura

Non sono ancora stati eseguiti gli ordini di arresto per i 6 ufficiali accusati di essere responsabili delle vittime degli scontri di venerdì. Il leader socialista Rama: "Omicidi di Stato". Berisha: "Commissione di inchiesta sul tentato golpe". VIDEO

Guarda anche :
Scontri in Albania: gli spari ripresi da un video
Guerriglia a Tirana: tre morti. LE FOTO
Sali berisha: da 20 anni il volto dell'Albania. LE FOTO

Resta alta la tensione in Albania dove opposizione e governo continuano a scambiarsi accuse reciproche di responsabilità delle vittime degli scontri  di venerdì . Gli ordini di arresto della Procura di Tirana su sei ufficiali della Guardia Repubblicana non sono ancora stati eseguiti e il leader socialista, Edi Rama, ha lanciato un nuovo appello ai suoi sostenitori a tornare in piazza venerdì prossimo.

L'annuncio della nuova manifestazione è arrivato al termine dei funerali di due delle vittime delle proteste, nella città meridionale di Fieri. Funerali organizzati dall'opposizione che, in autonomia, aveva anche proclamato due giorni di lutto per le vittime."Quello che dispiace degli appelli internazionali a mantenere la calma - ha dichiarato - è la mancanza della netta condanna di un clamoroso omicidio di Stato.

Da parte sua il premier Berisha continua a parlare di vittime di "banditi" e ha convocato una sua manifestazione per mercoledì prossimo contro la violenza dell'opposizione, manifestazione successivamente spostata a sabato prossimo. Il premier ha anche accusato l'opposizione di voler ordire un colpo di Stato e nei confronti del leader socialista ha detto: "Se ci riprova, riceverà una punizione esemplare, avrà quello che si merita un bandito. Nessun altro sarà punito, solo lui".
Nel mirino della maggioranza è finita inoltre il procuratore Capo della Repubblica, Ina Rama, accusata questa sera dal premier Sali Berisha di "essersi schierata apertamente con l'opposizione". "In queste condizioni - ha annunciato Berisha -  va istituita una commissione parlamentare d'inchiesta sul fallito colpo di Stato". Commissione poi approvata nella serata di domenica, dal parlamento albanese, con i soli voti della maggioranza di centrodestra.

Sugli italiani presenti in Albania l'ambasciatore italiano nel Paese Saba D'Elia, intervistato dal SkyTG24 rassicura: "Non ci sono problemi, nè danni fisici o materiali, per la comunità italiana. Il nostro auspicio è che si riprenda un confronto politico costruttivo per trovare una formula compromissoria che salvaguardi il Paese ed il suo percorso di avvicinamento all'Europa cui l'Italia tiene particolarmente".

Guarda l'intervista all'ambasciatore 

Leggi tutto