Wikileaks, in manette il banchiere dei segreti svizzeri

1' di lettura

Rudolf Elmer aveva consegnato a Julian Assange i dati di 2 mila persone con conti correnti in Svizzera. L'accusa? Violazione del segreto bancario

Guarda anche:
WikiLeaks, l'album fotografico
Come funziona Wikileaks, dove trovare i documenti
Wikileaks: ecco i dati sulle banche

(In fondo all'articolo tutta la conferenza stampa di Julian Assange e Rudolf Elmer)

La polizia svizzera ha fermato l'ex banchiere Rudolf Elmer che lunedì 17 aveva consegnato al fondatore di Wikileaks, Julian Assange, i dati di 2 mila persone con conti correnti in Svizzera, tra cui 40 politici. L'accusa nei suoi confronti è di aver violato la segretezza del sistema bancario elvetico. "L'ufficio del procuratore sta facendo dei controlli per vedere se Rudolf Elmer abbia violato la legge bancaria svizzera passando i cd (con i dati) a WikiLeaks", si legge in un comunicato congiunto di polizia e procura.

Poco prima del provvedimento di fermo, Elmer era stato condannato per lo stesso reato di violazione del segreto bancario per aver già fornito ad Assange tre anni fa i dati di alcuni clienti di banche con sede alle isole Cayaman. La Corte lo ha condannato al pagamento di 7.200 franchi svizzeri (5.600 euro) con la condizionale.

Leggi tutto