Mercantile in avaria, le condizioni meteo migliorano

1' di lettura

Il cargo italiano si trova al largo delle coste egiziane con 21 marinai a bordo. Nella notte venti fino a 90 chilometri all'ora con onde alte otto metri. Persi alcuni container ma l'equipaggio sta bene

Il lieve miglioramento delle condizioni meteo ha permesso al direttore macchine della Jolly Amaranto, la nave in avaria in balia delle onde al largo delle coste egiziane, di scendere in sala macchine con altri due uomini per fare il punto della situazione e tentare di far ripartire i motori, col supporto dell'ufficio tecnico della Ignazio Messina, in contatto telefonico da Genova.

Comunque "la nave è sicura", spiegano dalla centrale operativa della compagnia ed il morale dei membri dell'equipaggio, nonostante la preoccupazione, è alto. "Lo stesso fatto che siano riusciti a riposare nella notte, qualcuno anche raggiungendo la propria cabina, è un buon segno", aggiungono. Il vento è sceso a 35/40 nodi, circa 80 chilometri orari, e la speranza è che possa diminuire ancora un po' di intensità per permettere all'elicottero privato affittato dalla compagnia, di raggiungere la nave e trarre in salvo i suoi occupanti. Del resto le onde, che continuano ad essere molto alte, non consentirebbero un soccorso tradizionale con un trasbordo.

La notte è trascorsa tra onde altissime fino a otto metri e venti che hanno spirato fino a 50 nodi, cioè circa 90 chilometri orari. Confermata la perdita di alcuni container ma gli uomini a bordo stanno tutti bene. La nave dovrebbe essere raggiunta in giornata da un rimorchiatore e, se le condizioni meteo lo consentiranno, di un elicottero in grado di arrivare diverse ore prima del rimorchiatore partito da Creta.

Leggi tutto