Sono oltre 40 le vittime dell'incendio in Israele

1' di lettura

Le fiamme hanno raggiunto la zona sud di Haifa, che con 265.000 abitanti è la terza città del Paese. Gli sfollati, di quello che viene definito "uno dei roghi più gravi della storia della nazione", sono oltre 13mila. FOTO E VIDEO

Guarda le foto dei roghi

Migliaia di uomini sono impegnati per arginare l'incendio del Monte Carmelo, il cui bilancio aggiornato è di 41 morti accertati, tre dispersi, 16 feriti e 13.000 persone evacuate dalle loro case. La situazione si è aggravata a causa del vento, in parte generato dallo stesso incendio, poco dopo la mezzanotte. Le fiamme hanno raggiunto la
zona sud di Haifa, che con 265.000 abitanti è la terza città di Israele.

La causa dell'incendio non è ancora chiara, potrebbe essere una discarica abusiva ma il fuoco sembra essere nato da tre punti e quindi non si esclude l'opera di piromani.
Israele ha lanciato un appello alla comunità internazionale: i primi mezzi anti-incendio e altri aiuti sono arrivati da Bulgaria, Cipro, Francia, Gran Bretagna, Grecia,
Russia e Turchia.

Il Carmelo, suggestivo promontorio citato anche dalla Bibbia, ospita una riserva naturale affacciata sulla baia di Haifa e dominata da un santuario cattolico fra i più visitati della Terra Santa.

Leggi tutto
Prossimo articolo