Francia, ennesimo rimpasto per governo Sarkozy

Il presidente della Repubblica Nicolas Sarkozy e il primo ministro François Fillon
1' di lettura

Il primo ministro Fillon è stato riconfermato alla testa dell'esecutivo. E' il terzo rinnovo nel 2010: il presidente, in caduta libera nei sondaggi, vuole fronteggiare la crisi seguita alla riforma delle pensioni

FRANCIA, TRA SCIOPERI E MANIFESTAZIONI: LE FOTO

Riforma delle pensioni, affaire Bettencourt, divieto del burqa, sondaggi in caduta libera: il presidente francese Nicolas Sarkozy ha deciso per l'ennesimo rimpasto dell'esecutivo per fronteggiare la perdita di popolarità del suo governo.
Era previsto per lunedì 15 novembre ma le dimissioni del primo ministro François Fillon, consegnate sabato 13 ed accettate da Sarkozy, hanno anticipato di un giorno la decisione.

Il primo ad essere riconfermato è stato proprio François Fillon, 56 anni, rinominato primo ministro nella mattinata di domenica 14. Una mossa che gli analisti avevano previsto: di fronte ad un Sarkò percepito dai francesi come troppo avventato, esuberante e impulsivo Fillon, con la sua calma e discrezione, è considerato un'ottima alternativa.
Sia come primo ministro che come eventuale prossimo presidente: un sondaggio Marianne-Harris Interactive sulle intenzioni di voto per le presidenziali 2012 evidenzia la parità al primo turno tra l'attuale capo dello stato e Fillon, entrambi preferiti dal 26% degli intervistati.

Il governo Sarkozy, formato il 18 maggio 2007, ha già subito una lunga serie di rimpasti. Sette, per la precisione, ogni volta per reagire ad una crisi politica o sociale: il primo è stato nel giugno 2007, a un mese dalla formazione, poi nel marzo e nel dicembre del 2008, nel gennaio e nel giugno 2009. Il 2010 sarà quindi l'anno record: quello di novembre è il terzo rimpasto dopo quelli di marzo e luglio.

Leggi tutto