Facebook, in arrivo servizio email e integrazione con Office

1' di lettura

Secondo alcune indiscrezioni, con l'operazione "Gmail killer" Mark Zuckerberg punterebbe a sfidare Google e a stringere un'alleanza con Microsoft. Per ora sono solo rumors, ma è prevista una conferenza stampa per il 15 novembre

Leggi anche
Google vs Facebook, che la guerra cominci
Gmail diventa social network

Nuovo capitolo nella guerra tra Facebook e Google: il social network, infatti, potrebbe lanciare fra pochi giorni la prossima mossa, l’operazione in codice “Gmail Killer”. Lunedì 15 novembre gli stati maggiori di Facebook hanno convocato una conferenza stampa e, dicono i soliti bene informati, all’ordine del giorno ci sarà il lancio di un servizio di posta elettronica targato @facebook.com. A inizio anno era stato Gmail a cercare di reinventarsi come social network (Google Buzz), ma l'attacco diretto contro Facebook si era concluso in un nulla di fatto.

L’offensiva del Ceo Mark Zuckerberg mira a rivaleggiare con Gmail, il servizio di posta di Google. Obiettivo che intenderebbe raggiungere grazie all'alleanza con Microsoft che dovrebbe portare all’integrazione del pacchetto Office nei servizi di Facebook in modo da potersi scambiare testi, presentazioni e fogli di calcolo tramite la nuova email.
Niente di certo, per ora. "Project Titan" sarebbe il nome ufficiale del progetto, è almeno stando allo scoop del sito TechCrunch che cita fonti interne a Fb. Secondo le rivelazioni di Michael Arrington, fondatore del sito, l’appartenenza a reti e i contatti in comune tra i membri di Facebook dovrebbero permettere al nuovo servizio email di poter offrire anche un ordine di priorità personalizzato nella ricezione delle email.
Il sito di news tecnologiche di CBS, ZDNet, anticipa invece il presunto patto con Microsoft e sottolinea che, grazie a questo, @facebook.com potrà competere ad armi pari con @gmail.com già al suo esordio nel mercato. Con, in più, un bacino di utenza di partenza che ammonta al totale degli utenti di Facebook: un esercito di 500 milioni di persone. .

Leggi tutto