Marea Nera, la Bp sapeva di rischiare il disastro

Golfo del Messico: il petrolio fuoriesce dal pozzo dopo aver fatto saltare il cemento che lo sigillava
1' di lettura

Lo rivela un rapporto della Commissione creata dalla Casa Bianca: sull'instabilità del cemento usato per sigillare il pozzo nel Golfo del Messico erano stati fatti diversi studi, l'ultimo a una settimana dall'esplosione dell'aprile scorso

Guarda anche
Il reportage di Sky Tg24 girato in Louisiana
L'album fotografico sulla Marea Nera

La mistura di cemento usata per sigillare il pozzo nel Golfo del Messico era instabile e la Halliburton e il colosso petrolifero Bp lo sapevano da diverse settimane prima dell'incidente alla piattaforma petrolifera. E' una delle rivelazioni contenute nel rapporto della commissione creata dalla Casa Bianca per indagare sul disastro dell'aprile scorso, disastro che aveva originato la marea nera e provocato la morte di 11 persone.

Secondo il rapporto, la multinazionale specializzata nello sfruttamento dei giacimenti petroliferi Halliburton era in possesso dei risultati di tre test di laboratorio, e tutti e tre affermavano che la mistura di cemento usata per il pozzo non era in linea con gli standard richiesti. Il risultato di almeno uno di questi test era stato consegnato alla Bp l'8 marzo, un mese prima dell'incidente alla piattaforma. Ma la Bp non aveva preso alcun provvedimento.
La Halliburton aveva effettuato un altro test una settimana prima dell'incidente. I risultati avevano di nuovo evidenziato l'instabilità della mistura ma le analisi non erano mai state inviate alla Bp.

Il rapporto della Casa Bianca non identifica il problema del cemento come causa principale del disastro, ma la commissione sottolinea che se questo avesse svolto alla perfezione il suo compito la marea nera probabilmente non ci sarebbe stata. All'indomani del disastro un'indagine interna alla Bp aveva già identificato carenze nell'opera di cementazione del pozzo, scaricando così le responsabilità della marea nera sulla Halliburton. Che dal canto suo aveva risposto sostenendo che la miscela di cemento era giusta e che quindi il problema derivava da errori commessi dalla Bp nella progettazione del pozzo e nelle operazioni di estrazione del petrolio.

Leggi tutto