Haiti, una corsa contro il tempo per frenare il colera

Haiti
1' di lettura

Le ong temono che il contagio possa arrivare nei campi profughi della periferia di Port-au-Prince dove sono ospitati più di un milione e mezzo di persone rimaste senza casa dopo il terremoto del gennaio. Il bilancio è di oltre 250 vittime

L'ALBUM FOTOGRAFICO DELLA TRAGEDIA
IL DRAMMA DOPO L'INFERNO: I VIDEO


L'epidemia di colera continua a mietere vittime. Quella di Haiti è una lotta contro il tempo per frenare la corsa del contagio che ha già fatto oltre 250 vittime.
Con i primi 6 casi di infezione registrati a Port-au-Prince, le agenzie umanitarie temono che il contagio possa arrivare nei campi profughi alla periferia, dove sono ospitati più di un milione e mezzo di persone rimaste senza casa dopo il terremoto del gennaio. Le statistiche delle autorità in realtà mostrano che le nuove infezioni hanno cominciato a diminuire, ma il bilancio complessivo dei morti è arrivato a quota 253.

Nelle ultime 24 ore è diminuito il ritmo del contagio - La malattia è "limitata a un perimetro ben definito", nella regione settentrionale di Artibonite e su parte dell'altopiano centrale, ha spiegato il ministro degli Esteri, Marie Miche Rey. Dalla Svizzera, dove partecipava a un meeting delle nazioni, il ministro ha assicurato che "coloro che sono sul terreno sembrano in grado di contenere la situazione". E il direttore generale del Dipartimento Salute, Gabriel Thimote, ha confermato che nelle ultime 24 ore è diminuito il ritmo dei morti e anche quello dei nuovi contagi.

La preoccupazione delle agenzie non governative - Le ong, però, si preparano allo scenario peggiore nel timore che la crisi sanitaria arrivi alle tendopoli di Port-au-Prince. Il colera si trasmette principalmente attraverso l'acqua e il cibo contaminato; e potrebbe diffondersi a macchia d'olio nelle tendopoli, dove migliaia di famiglia si lavano e fanno il
bucato all'aria aperta, e condividono i pasti in spazi molto ristretti.
Si ritiene che la fonte del contagio sia la contaminazione del fiume Artibonite, un'arteria fluviale che attraversa le campagne di Haiti e che migliaia di persone utilizzano per la maggior parte delle loro attività quotidiane. Le autorità sanitarie sottolineano la necessità di isolare i pazienti per contenere la diffusione della malattia che, con le caratteristiche crisi di vomito e diarrea, può disidratare e uccidere nel giro di poche ore.

Medici Senza Frontiere si è offerta di installare un ospedale da campo a Saint Marc; Oxfam ha inviato 5 specialisti ad Artibonite per depurare acqua e servizi igienici per 100mila persone; e ha annunciato che distribuirà sapone, compresse per sterilizzare l'acqua e sali reidratanti per 25mila haitiani.
Il governo canadese si è offerto di allestire un ospedale militare e gli Stati Uniti si sono impegnati a creare tende per curare i pazienti. Il Canada, che ha una considerevole
popolazione haitiana, ha anche offerto un milione di dollari canadesi per aiutare a contenere la diffusione del focolaio.

Leggi tutto