Cina, esplosione in una miniera. Morti 20 operai

1' di lettura

Altri 17 lavoratori sono rimasti intrappolati sotto terra, mentre 239 sono riusciti a tornare in superficie. Il salvataggio dei 33 cileni ha riacceso nel Paese asiatico un forte dibattito sugli standard di sicurezza

Un incidente in una miniera di carbone in Cina ha causato 20 morti e altri 17 minatori sono rimasti intrappolati. Nella miniera, che si trova a Yuzhou (nella regione centrale di Henan) ed è di di proprietà della Pingyu Coal & Electric, c'è stata un'esplosione causata da una fuga di gas alle sei del mattino (mezzanotte in Italia). E' stata avviata un'operazione di soccorso per portare in salvo i minatori.
Al momento dell'incidente erano al lavoro 276 minatori, di cui 239 sono riusciti a tornare in superficie.

Gli incidenti minerari in Cina sono molto frequenti e solo lo scorso anno ci sono stati 2631 morti, per lo più causati dalla mancanza di misure di sicurezza e dai frenetici ritmi di lavoro imposti dalla domanda interna di un Paese che dipende dal carbone per il 70% del suo fabbisogno. Il salvataggio dei 33 minatori cileni ha portato all'apertura di un nuovo dibattito in Cina sugli standard di sicurezza delle miniere.

Guarda anche:
Cile, finita l'odissea dei 33 minatori. Tutti in salvo
Cile, le immagini dei minatori intrappolati sotto terra

Leggi tutto