PAGINA NON DISPONIBILE

La pagina richiesta non è stata trovata
Potresti aver digitato un indirizzo errato o quello di una pagina rimossa
o spostata ad un nuovo indirizzo. Oppure torna alla Home

404 Not Found

Minatori Cile, al via nella notte il salvataggio

1' di lettura

Tutti positivi i test tecnici con trivelle e capsule, il governo ha annunciato la partenza delle operazioni di recupero dei 33 uomini intrappolati da 66 giorni. Tra i familiari c'è attesa per sapere chi uscirà per primo


Cile: guarda le foto dei minatori

Il momento è arrivato. Domani a mezzanotte (le 5 di mercoledì in Italia) scatterà l'operazione di salvataggio, il tentativo di riportare in superficie i 33 uomini intrappolati da 66 giorni in fondo alla miniera di San Josè. A uscire per ultimo, sarà uno dei soccorritori cileni che si sarà calato fino alla profondità del deserto dell'Atacama. Mentre tra i familiari dei minatori al Campamento Esperanza cresce il nervosismo, durante le ultime ore i tecnici cileni hanno dato una serie di annunci sui progressi dell'operazione "San Lorenzo" (il protettore dei minatori) per il recupero dei 33: annunci tutti positivi, che confermano come, almeno finora, non ci sono stati intoppi rilevanti. A dare l'annuncio del via libera è stato il ministro delle risorse minerarie, Laurence Golborne: "Speriamo di finire la giornata di oggi con almeno uno dei nostri minatori in superficie. E' l'obiettivo al quale puntiamo" ha detto alla stampa, ricordando che oggi è "il 69mo giorno" che gli uomini della miniera di San Josè hanno trascorso in fondo al giacimento.
Le operazioni di soccorso, che dovevano cominciare allla mezzanotte ore locali (le 5 di mercoledì in Italia) sono state infatti anticipate alle 20 (le tre da noi).

"Non daremo i nomi dei primi minatori che saliranno in superficie", ha inoltre ribadito Golborne ricordando che "la decisione finale al riguardo sarà presa dal soccorritore che per primo scendera"' alla quota di 622 metri di profondità dove si trovano i minatori.

A uscire per ultimo sarà comunque il capoturno Luiz Urzua, immediatamente preceduto - probabilmente con il numero 31 e 32 - da Pedro Cortez e Ariel Ticona, ritenuti dai tecnici tra i migliori per poter mantenere lungo tutta l'operazione i contatti con la base in superficie. Dopo di loro torneranno in superficie i soccorritori. Forse il primo a vedere la luce sarà Mario Sepulveda, mentre nel secondo gruppo, tra quelli definiti "labili" dai responsabili dell'operazione (con i numeri dal 6 al 16) ci saranno Jos Ojeda, malato di diabete, Jorge Galleguillos, iperteso, e il 63enne Mario Gomez, malato di silicosi e il piú anziano del gruppo. Tra quelli definiti i piú forti dagli esperti, ci dovrebbe essere Carlos Mamani, l'unico straniero (boliviano) del gruppo, che sarà accolto dal presidente della Bolivia Evo Morales il quale assisterà al salvataggio insieme al capo dello Stato cileno Sebastian Pinera, che sarà domani mattina in miniera.

A Esperanza i familiari raccontano che i mineros sono felici per l'avvicinarsi dell'ora X, anche se non nascondono i loro timori: la domanda chiave è soprattutto chi sarà il primo a voler salire sul gabbiotto preparato dai tecnici della marina cilena, con la collaborazione della Nato. Tra ieri e domenica da San Josè c'è comunque stata una lunga serie di buone notizie, mentre nel pomeriggio i familiari hanno salutato con applausi ed emozione la partenza da San Josè della T-130D, la trivella che è già entrata nella storia di questa vicenda, visto che dopo giorni di lavoro è riuscita a perforare la terra nel punto e nella profondità giusti. Tra le novità di oggi, l'intubamento di 56 metri dei 622 metri di lunghezza del pozzo, mentre in un primo test la capsula "Fenix" è stata calata con successo fino a quota meno 610 metri.

"La capsula non ha nemmeno dondolato", ha sottolineato Golborne. A conferma che il test è andato bene c'è anche il fatto che durante la prova "non è caduta polvere: la capsula si è adattata molto bene al tunnel, inclusa la parte non rivestita con i tubi". I tecnici, che hanno a disposizione tre capsule (una delle quali più piccola delle altre) hanno oggi proceduto alla sistemazione di una struttura fatta in Austria per l'isaggio della capsula. Anche i minatori sono in queste ore impegnati nei lavori, in quanto stanno costruendo una piattaforma dove la capsula verrà posata quando arriverà al punto in cui si trova il gruppo dei 33: una sorta di rampa di lancio che li porterà verso la liberazione.

Leggi tutto