Francia, presidenziali 2012: la guerra comincia da Twitter

1' di lettura

Fatti e misfatti del Partito Socialista online da settimane grazie a "solférinien", ufficialmente un quadro deluso del Ps. Sorpresa: l’account in realtà è del responsabile web del partito di Sarkozy che affila le armi in vista delle prossime elezioni

di Greta Sclaunich

"Solférinien" twittava dalla sede del Partito Socialista francese, in rue Solferino a Parigi.
Si presentava come un quadro del partito, stufo di tante cose che non andavano e pronto a denunciare scandali e misfatti all'interno del Ps. In apparenza una persona sincera e disinteressata, anzi: interessata a far sapere alla sua rete di contatti Twitter cosa non va nel secondo partito di Francia, grande sconfitto nelle ultime presidenziali. In realtà Baptiste Roynette, responsabile web del partito di Sarkozy, l'Ump, che twittava sotto mentite spoglie per mettere in difficoltà l'avversario in vista delle elezioni del 2012.

Lo scoop è del quotidiano Le Monde, avvertito dai funzionari Ps che, stufi di questa mela bacata, da settimane cercavano di identificare il "solferiniano". Ci sono riusciti con un trucchetto: promettendogli documenti riservati e segreti, hanno ottenuto il suo indirizzo email. Sorpresa: era quello di Roynette, responsabile dell'agenzia web interna al partito di Sarkò.
Lui smentisce, dichiarando che all'Ump nessuno sa nulla di questo "solférinien".
Il Ps, per bocca del responsabile web Emile Josselin, ha bollato l'episodio definendolo una strategia "patetica".

Patetica o no, pare che qualcuno ora si voglia vendicare dell'Ump usando gli stessi mezzi.
Le Monde sottolinea che, qualche tempo dopo l'arrivo del "solferiniano" su Twitter, è comparso un altro account promettendo rivelazioni scottanti sul partito di Sarkozy.
A poco più di un anno dalle prossime presidenziali francesi, il web è già diventato il terreno dello scontro dei due partiti più importanti.

Leggi tutto