Il procuratore iraniano: "Sakineh sarà impiccata"

1' di lettura

La donna per cui si è mobilitato il mondo intero non sarà lapidata ma, secondo quanto annunciato da un magistrato, non scamperà comunque la pena capitale. Il figlio: “Le autorità annunceranno ufficialmente la sua condanna a morte tra due settimane”

Da Carla Bruni a Roberto Saviano: tutti per Sakineh
Iran, il volto della protesta: TUTTE LE FOTO

Sakineh sarà impiccata - Sakineh "è stata condannata a morte" per l'uccisione del marito e sarà impiccata. L'annuncio, riportato dal Tehran Times citando il procuratore generale iraniano, è sembrato far cadere ogni speranza di salvare la vita della donna, per la quale si sono mobilitati governi e organizzazioni umanitarie in Occidente. Ma la situazione è ancora tutt'altro che chiara, con il portavoce del ministero degli Esteri che ha parlato di un procedimento "non ancora concluso" e il figlio dell'imputata che ha sottolineato di attendersi un annuncio ufficiale della sentenza "fra due settimane".

Lo stesso figlio di Sakineh Mohammadi Ashtiani, Sajjad Ghaderzadeh, ha comunque rivolto in lacrime un appello all'Italia, che è stata tra i Paesi più attivi nelle iniziative per cercare di fermare il boia. "Chiediamo alle autorità italiane di intervenire e aiutarci", ha detto  Sajjad. Pronta la risposta della Farnesina: "Auspichiamo fortemente che la condanna possa essere rivista", ha affermato il portavoce, Maurizio Massari, aggiungendo che il governo "continuerà ad adoperarsi con la massima determinazione, come fatto finora".

Frattini: se l'Iran esegue la condanna verrà isolato - "Dobbiamo far comprendere all'Iran
che l'esecuzione della condanna a morte" per Sakineh Mohammadi-Ashtiani "esporrebbe lo stesso Iran all'isolamento internazionale e alla condanna dell'opinione pubblica". Queste le parole del ministro degli Esteri Franco Frattini in un'intervista a Repubblica Tv.

Angoscia e incertezza per la sorte della donna -Sakineh Mohammadi-Ashtiani, 43 anni, di Tabriz, nel nord-ovest dell'Iran, si era vista sospendere nel luglio scorso una condanna alla lapidazione per adulterio. Ma ora, ha detto il procuratore generale Gholamhossein Mohseni-Ejei, citato dal Tehran Times, "la Corte l'ha riconosciuta colpevole di omicidio e la sua condanna a morte (tramite impiccagione, ndr) ha la precedenza sulla punizione per adulterio (tramite lapidazione, ndr)".
Tuttavia, ad una domanda di un giornalista straniero durante la sua conferenza stampa settimanale, il portavoce del ministero degli Esteri, Ramin Mehman-Parast, ha detto solo che Sakineh è ora processata per omicidio, ma ha sottolineato che il procedimento non è ancora concluso. "Le procedure legali non sono finite - ha affermato Mehman-Parast - e il verdetto sarà annunciato quando saranno concluse".

Secondo il figlio della donna, tuttavia, le parole del procuratore generale sono state un preannuncio ufficioso di una sentenza già decisa che, ha detto, "sarà resa ufficiale fra due settimane". Sajjad ha aggiunto che l'avvocato della madre, Javid Hutan Kian, si recherà sabato da Tabriz a Teheran per colloqui con le autorità giudiziarie centrali, nel tentativo di fare fermare o modificare il verdetto.

Iran: la questione non deve essere politicizzata - Le autorità iraniane, tra le quali, secondo diversi osservatori, vi sarebbero diversità di opinioni sul modo di agire nella vicenda, hanno più volte denunciato come interferenze negli affari interni del Paese le iniziative occidentali per salvare la vita di Sakineh. Lo ha ribadito nelle dichiarazioni riportate dalla stampa il procuratore generale Mohseni-Ejei, quando ha affermato che "la questione non deve essere politicizzata e la magistratura non sarà influenzata dalla campagna propagandistica lanciata dai media occidentali".

La stessa opinione era stata espressa la scorsa settimana dal presidente, Mahmud Ahmadinejad, durante una missione a New York per l'Assemblea generale dell'Onu, quando si era chiesto perché la stessa mobilitazione non ci fosse stata per Teresa Lewis, una donna con lievi disabilità mentali giustiziata il 23 settembre negli Usa perché ritenuta colpevole di essere stata la mandante dell'uccisione del marito e del figliastro. "Se è sbagliato - aveva affermato Ahmadinejad - dovrebbe essere sbagliato ovunque".

Leggi tutto