Usa, da Corte Suprema sì all'esecuzione di Teresa Lewis

1' di lettura

La donna è accusata di aver preso parte agli omicidi del marito e del figlio: secondo gli avvocati difensori è provata la sua disabilità mentale. Ahmadinejad: "Ecco la vostra Sakineh"

La Corte Suprema degli Stati  Uniti ha deciso di non fermare l'esecuzione in programma per giovedì nel Centro correzionale di Greensville, in Virginia, di Teresa Lewis, la donna condannata a morte per la parte avuta negli omicidi del marito Julian e del figliastro Charles 'C.J.' Lewis, compiuti nel  2002 allo scopo di incassare i soldi di una polizza di assicurazione,  250mila dollari, e fuggire con l'amante. Quella della Lewis è la  prima condanna alla pena capitale di una donna fissata da quasi cento  anni in Virginia.

Nella sua pronuncia, la Corte comunica di aver respinto la  richiesta di fermare l'esecuzione avanzata dalla difesa della Lewis.  "Siamo profondamente delusi", ha dichiarato James Rocap, il difensore. "Una persona buona e onesta sta per perdere la vita a causa di un  sistema che non funziona". La difesa aveva già tentato con la domanda di grazia al  governatore dello stato della Virginia, Robert McDonnell,  sottolineando l'esito di una perizia psichiatrica dalla quale è risultato che la donna ha un quoziente intellettuale al limite del  ritardo mentale e sostenendo dunque che è stata manipolata dai suoi  complici - ed esecutori materiali del delitto - al fine di realizzare  il duplice omicidio. La 41enne Lewis si è dichiarata colpevole ed ha  espresso rimorso per quanto fatto.

Shallenberger e Fuller, i due uomini che hanno materialmente  eseguito l'omicidio nel 2002, sono stati condannati all'ergastolo.  Fuller aveva patteggiato in questo senso e il giudice Charles Strauss  ha stabilito che era giusto dare la stessa condanna a Shallenberg. La  Lewis è stata condannata all'iniezione letale.

Sul caso si è espresso il presidente iraniano Ahmadinejad, paragonando Teresa Lewis a Sakineh Mohammadi Ashtiani, l'iraniana di 43 anni contro la cui lapidazione si è mobilitata parte della comunità internazionale, in Europa e negli Stati Uniti "Una donna - ha detto - in attesa di essere messa a morte negli Usa ma nessuno protesta", ha detto Ahmadinejad durante un incontro con personalità e dignitari islamici negli Stati Uniti ieri sera, stando all'agenzia ufficiale Irna".

Leggi tutto