Rasmussen: "Più addestratori dall'Italia"

Anders Fogh Rasmussen
1' di lettura

Il segretario generale della Nato parla a SkyTG24 alla vigilia del voto e assicura che i nostri soldati non saranno dispiegati nelle zone più pericolose dell'Afghanistan. Ma ribadisce: "Abbiamo bisogno di più uomini". GUARDA IL VIDEO

"Abbiamo discusso di Afghanistan e concordo sul messaggio che stiamo facendo progressi, ma abbiamo bisogno di più addestratori. Li abbiamo chiesti all’Italia e a tutti i paesi alleati” ha dichiarato il segretario generale della Nato Anders Fogh Rasmussen intervistato al termine dell’incontro con il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e il Ministro della Difesa Ignazio La Russa. “Non ho chiesto che le vostre truppe siano dispiegate nel sud dove si svolgono i principali combattimenti, non abbiamo discusso di questo.  Io mi aspetto – ha aggiunto Rasmussen - che l’Italia mantenga i suoi impegni lì dove i soldati italiani sono già stati dispiegati, ma anche che nei prossimi anni ci sia un graduale cambio”.

A proposito delle consultazioni elettorali che si terranno domani in Afghanistan, ha spiegato: “Ovviamente siamo molto preoccupati sulla questione sicurezza durante le elezioni”. Quanto al ritiro di truppe dall’Afghanistan non credo che sarà completato entro il 2014; penso che ci saranno truppe internazionali anche oltre quella data. Quel che vedremo è un processo di passaggio di consegna agli afghani dal luglio del 2011 laddove le condizioni lo permetteranno”.

Leggi tutto